Venerdì, 03 Febbraio 2023
stampa
Dimensione testo

Archivio

Home Archivio Riina: provenzano fece il "carabiniere"
COSA NOSTRA

Riina: provenzano
fece il "carabiniere"

"Mi dispiace, mi dispiace... prendere certi argomenti, cioè, questo Binnu Provenzano chi è che gli dice di non fare niente? Qualcuno ci deve essere che glielo dice... Perché non devo fare niente? La cosa...quindi tu collabori con questa gente...a fare il carabiniere pure... e non dici...a rispondergli giusto, regolarmente e dirgli: perché devo fare questo? Qual è il motivo?". 

Così il boss Toto' Riina racconta al capomafia pugliese Alberto Lorusso i contatti tra i carabinieri, con il tramite di don Vito Ciancimino, che avrebbe avuto Provenzano. Secondo i pm, sarebbe stato proprio Provenzano a fare scoprire agli inquirenti dove era nascosto Riina. I dialoghi intercettati il 16 agosto scorso sono stati depositati ieri agli atti del processo sulla trattativa Stato-mafia. "Erano i tempi di Binnu.. - racconta Riina al boss pugliese - i tempi del piccolo Binnu sono finiti. Ai tempi miei, di Totò Riina...piccolo Binnu...U ziu Totò Riina solo trattava cose e persone importanti. Però è inutile questo trio...di uomini...non ce n'è a trovare le idee di un cristianu..che si mettono a disposizione per fare i carabinieri".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook