Venerdì, 03 Febbraio 2023
stampa
Dimensione testo

Archivio

Home Archivio L'Ucraina attacca i filorussi a Donetsk
KIEV

L'Ucraina attacca
i filorussi a Donetsk

L'uso della forza nel sud-est ucraino "annullerà l'occasione offerta dalla riunione quadripartita a Ginevra" prevista dopodomani tra Usa, Russia, Ucraina e Ue: lo ha detto il ministro degli Esteri russo Serghiei Lavrov in Cina: "Non si possono inviare i carri armati e nello stesso tempo tenere un dialogo".

L'iniziativa del premier ucraino Arseni Iatseniuk di avviare colloqui con il sud-est del Paese va nella giusta direzione, anche se in ritardo, ha aggiunto il capo della diplomazia russa.

Da parte sua, il presidente russo Vladimir Putin ha detto al presidente americano Barack Obama in una telefonata nella serata di ieri che le accuse di ingerenza di Mosca nell'est dell'Ucraina sono ''speculazioni basate su informazioni infondate''. Lo ha reso noto il Cremlino, aggiungendo: ''Putin ha chiesto ad Obama di fare tutto il possibile per non autorizzare l'uso della forza e provocare un bagno di sangue". Secondo Mosca i due leader sono d'accordo sulla necessità di "proseguire gli sforzi'' per trovare una soluzione diplomatica alla crisi. Putin ha ancora una volta chiesto l'avvio di negoziati con "tutte le principali forze politiche e le regioni" per costruire una struttura federale per l'Ucraina.

Il direttore della Cia, John Brennan, è stato in Ucraina durante il fine settimana. Lo conferma il portavoce della Casa Bianca, Jay Carne. In Ucraina, d'altra parte, la situazione resta delicatissima.

Per lunghi 90 minuti, sabato scorso, un caccia russo ha volato sul livello dell'acqua, quasi sfiorando la nave da guerra Usa Donald Cook, che si trova in acque internazionali del Mar Nero sin dal 10 aprile. Lo si legge in un tweet della Ap in cui si sottolinea che tutto si è risolto senza incidenti.

"Questa azione russa provocatoria e poco professionale è incompatibile con i protocolli e gli accordi internazionali" che regolano i rapporti tra gli eserciti dei nostri due Paesi. Lo ha denunciato il colonnello Steven Warren, uno dei portavoce del Pentagono, ricordando che il caccia russo ha sorvolato la nave americana ben 12 volte. 

Un gesto "provocatorio". Così il portavoce della Casa Bianca, Jay Carney, commenta il volo basso del caccia russo che nel Mar Nero ha sfiorato una nave americana. "Il Pentagono lo ha già valutato provocatorio e non professionale. Non ho nulla da aggiungere", afferma Carney.

Il presidente ucraino ad interim Oleksandr Turcinov ha firmato il decreto che ordina l'operazione contro i separatisti filorussi nell'est del Paese, mentre i filorussi nell'Ucraina dell'Est sfidano l'ultimatum di Kiev per la liberazione degli edifici occupati, ormai scaduto: un gruppo di dimostranti ha occupato questa mattina un terzo edificio a Sloviansk, nella regione di Donetsk, nell'Ucraina orientale.

Il governatore di Donetsk, Serghiei Taruta, un oligarca locale nominato recentemente dalle nuove autorità di Kiev, ha annunciato l'introduzione del regime antiterroristico, in relazione all'operazione minacciata ieri da Kiev allo scadere stamane dell'ultimatum.

Turcninov non esclude la possibilità di tenere un referendum nazionale sull'ordinamento statale del Paese - federale o meno - nello stesso giorno delle presidenziali, fissate per il 25 maggio.

Prosegue intanto il braccio di ferro tra la Russia e l'Occidente. "Appare evidente che la Russia ha una responsabilità" nelle "grandi violenze" nell'est e sud-est dell'Ucraina, l'Europa quindi "deve agire" e dopo l'incontro a quattro di giovedì prossimo a Ginevra "se sarà il caso ci potrà essere un vertice dei leader europei la prossima settimana per decidere nuove sanzioni", ha annunciato il ministro degli Esteri francese Laurent Fabius.

Va "preservato quello spiraglio di dialogo che può costituire l'incontro di giovedì prossimo" e che è "l'unico filo che abbiamo per trovare una soluzione alla situazione in Ucraina". In sostanza, bisogna stare attenti a non dare a nessuno il pretesto per non partecipare all'incontro a quattro di Ginevra. E' il messaggio del ministro degli esteri, Federica Mogherini, che - lasciando il Consiglio di Lussemburgo - aggiunge: "La fase 3 non è sul terreno in questo momento".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook