Venerdì, 22 Ottobre 2021
stampa
Dimensione testo

Archivio

Home Archivio Monito del papa contro i corrotti
UDIENZA GENERALE

Monito del papa
contro i corrotti

corruzione, papa, Sicilia, Archivio, Cronaca

«Il timore di Dio è anche un allarme di fronte alla pertinacia del peccato: nessuno porta con sé dall’altra parte soldi, potere, vanita’ e orgoglio. Penso alle persone che hanno responsabilità sugli altri e si lasciano corrompere; penso a coloro che vivono della tratta delle persone e del lavoro schiavo, penso ai fabbricanti di armi che sono mercanti di morte. Ce ne sono qui? No. Nessuno, nessuno di questi è qui, non vengono a sentire la parola di Dio». Lo ha detto Papa Francesco all’Udienza generale sul settimo dono dello Spirito Santo, che è appunto il timore di Dio. «Un giorno - ha ricordato Francesco - tutto finisce e nessuno può portarsi dall’altra parte il frutto della sua corruzione». «Che il timore di Dio - ha pregato Francesco ad alta voce - faccia loro comprendere che un giorno tutto finisce e che dovranno rendere conto a Dio». «Quando una persona vive nel male, quando bestemmia contro Dio, quando sfrutta gli altri, quando li tiranneggia, quando vive soltanto per i soldi, la vanita’, il potere, l’orgoglio, allora - ha spiegato il Papa - il santo timore di Dio ci mette in allerta: attenzione! Così non sarai felice».  

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook