Sabato, 18 Settembre 2021
stampa
Dimensione testo

Archivio

Home Archivio Rapiscono 145 bambini per farne dei kamikaze
SIRIA

Rapiscono 145 bambini
per farne dei kamikaze

bambini, kamikaze, siria, Sicilia, Archivio

Miliziani dello Stato islamico dell'Iraq e del Levante (Isis) hanno rapito lo scorso 29 maggio 145 bambini curdi nel nord della Siria mentre tornavano dagli esami. La denuncia viene dall'ong Osservatorio nazionale per i diritti umani (Ondus).  I genitori di alcuni degli scolari temono che siano sottoposti ad un lavaggio del cervello per poi essere usati come attentatori suicidi. 

I miliziani jihadisti dell'Isis, che a partire dalla settimana scorsa hanno lanciato un'offensiva nel nord dell'Iraq, controllano vaste regioni anche nel nord della Siria e puntano a formare un Califfato islamico transnazionale. Secondo l'Ondus, i bambini sono stati rapiti sulla strada tra Aleppo e Minbej mentre tornavano a Kobani, dove abitano, dopo avere sostenuto gli esami di fine anno in aree di Aleppo controllate dal regime. Alcuni abitanti di Kobani hanno espresso il timore che possano essere istruiti per diventare kamikaze, dopo che cinque di loro che sono riusciti a scappare hanno detto di avere ricevuto dai loro sequestratori lezioni "sulla Jihad contro i nemici di Dio e gli apostati". Sempre alla fine di maggio l'Isis ha rapito anche altri 193 civili curdi di eta' comprese tra i 17 e i 70 anni nella cittadina di Qubasin, nella provincia di Aleppo. 

Opac, attacchi sistematici con gas cloro  

 "Agenti chimici tossici, molto probabilmente agenti irritanti polmonari come il gas cloro, sono stati usati in maniera sistematica in un certo numero di attacchi". Lo sostiene un rapporto degli ispettori dell'Opac in Siria, citato dall'ambasciatore Usa all'Aja Robert Mikulak in suo intervento al Consiglio Esecutivo dell'Organizzazione.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook