Giovedì, 26 Maggio 2022
stampa
Dimensione testo

Archivio

Home Archivio Corea, un milione alla messa del Papa
IL VIAGGIO IN ASIA

Corea, un milione
alla messa del Papa

corea, papa francesco, Sicilia, Archivio, Cronaca

Gli organizzatori locali stimano in circa un milione le persone presenti alla messa che il Papa, con il cardinale Pietro Parolin e l'arcivescovo Andrew Yeom Soo-jung, celebra presso la Porta di Gwanghwaum di Seul. Durante il rito, celebrato in latino e coreano, il Pontefice ha beatificato Paul Yun Ji-Chung, primo martire della Chiesa coreana e altri 123 suoi compagni, uccisi durante la persecuzione del 1791.

Si toglie scarpe per entrare nel centro disabili gravi 
Il Papa si è tolto le scarpe prima di entrare nell'edificio del centro di recupero di Kkottongnae dove vengono assistiti disabili gravi e molto gravi. Nella cultura locale il togliersi le scarpe è segno di rispetto. Una bimba in abito tradizionale ha donato al Pontefice una ghirlanda intrecciata che lui si è subito messa al collo. In una piccola cappella papa Francesco ha incontrato diversi malati, alcuni in carrozzella, e ad alcuni di loro ha posato la mano sul capo. La casa ospita anche una cinquantina di bambini disabili abbandonati dalle famiglie, come ha ricordato il vescovo di Cheongju, mons. Gabriel Chang Bong-hun nel suo saluto a papa Bergoglio, che papa Bergoglio ha abbracciato, prima di prepararsi a assistere a uno spettacolino in suo onore preparato dai più giovani assisiti del Centro.

Fitto di impegni anche il terzo giorno in Corea 
 E' fitto di impegni anche il terzo giorno del viaggio del Papa nella Repubblica di Corea (Sud). Papa Francesco ha beatificato, nella notte ora italiana, Paul Yun Ji-Chung e 123 suoi compagni, della prima generazione di martiri coreani. Al rito, presso la Porta Gwanghwamun di Seul, ha preso parte una folla di gente colorata ed entusiasta, che gli organizzatori locali stimano in circa un milione e che secondo le stime riferite da padre Federico Lombardi è di almeno ottocentomila. Una delle preghiere dei fedeli è stata letta da un cinese della chiesa clandestina della Cina continentale. Nel pomeriggio, quando in Italia saranno le 8,30, il Pontefice visiterà Kkottongnae, a 90 chilometri circa da Seul. Si tratta di un centro, il cui nome significa "collina dei fiori", che include alloggi, ospedali, una università e centri di recupero per poveri e malati abbandonati di ogni età. Accoglie ogni anno migliaia di persone e ha 8 centri "fratelli" in tutta la Corea. Il Papa visiterà la sezione dedicata alle persone disabili. Subito dopo, presso la School of Love di Kkottongnae, papa Bergoglio incontrerà le comunità religiose in Corea e celebrerà i vespri, in latino e coreano. La tappa successiva lo porterà al Centro di spiritualità di Kkottongnae per incontrare i leader dell'apostolato laico, Consiglio cattolico istituito nel 1968 che ha 27 sedi in tutta la Corea. Nella cappella, di fronte a circa 150 persone, papa Francesco pronuncerà un discorso.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook