Martedì, 24 Novembre 2020
stampa
Dimensione testo

Archivio

Home Archivio Londra dice si ai raid in Iraq
GUERRA ALL'ISIS

Londra dice si
ai raid in Iraq

parlamento britannico, Sicilia, Archivio, Cronaca

Il Parlamento britannico ha approvato la mozione del governo Cameron che dà il via ai raid contro l'Isis in Iraq.

Quella in Iraq ''sarà una missione che non durerà qualche settimana, ma anni. Dobbiamo essere pronti a questo tipo di impegno''. Lo ha detto il primo ministro britannico David Cameron oggi a Westminster prima del voto sul via libera a raid in Iraq. Un intervento, ha spiegato Cameron in aula, ''del tutto legale'', in quanto risponde ad una richiesta da parte delle autorità irachene. ''E' moralmente giusto quindi agire, e agire adesso'', ha detto.

A conclusione del suo intervento, David Cameron ha sottolineato la consapevolezza che che l'intervento britannico in Iraq nel 2003 ''pesa pesantemente'' alla Camera dei Comuni, ma ha insistito che l'attuale situazione e' diferente. ''Non e' come il 2003 e non dobbiamo utilizzare gli errori del passato come una scusa per l'indifferenza o la mancata azione''.

Contiunuano nel mentre le operazioni di polizia in tutta Europa. Nove persone accusate di terrorismo e di appartenenza a una cellula della jihad collegata allo Stato islamico (Isis) sono state arrestate all'alba di oggi a Melilla e Nador, in un'operazione coordinata dall'alto tribunale dell'Audiencia Nacional. Secondo fonti del fonti del ministero dell'Interno, fra gli arrestati - 8 di nazionalità marocchina e 1 spagnolo - ci sono arruolatori e combattenti della jihad in procinto di partire per la Siria o l'Iraq o di ritorno dai territori di guerra. Lo spagnolo è il presunto capo della cellula che operava fra Melilla, l'enclave spagnola in Marocco e Nador, in territorio magrebino.

Intanto Europa e Stati Uniti tornano a puntare il dito contro il presidente siriano. Nuovi attacchi chimici sono stati compiuti in Siria "in agosto, con forti somiglianze con quelli, ormai accertati, compiuti la scorsa primavera con gas cloro". E' l'accusa di Usa e Ue contro Bashar al Assad, dopo il nuovo rapporto della missione investigativa dell'Opac.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook