Martedì, 17 Maggio 2022
stampa
Dimensione testo

Archivio

Home Archivio Traghetto in fiamme: 49 naufraghi arrivati a Bari
INCIDENTE IN MARE

Traghetto in fiamme: 49 naufraghi arrivati a Bari

Ci sono anche cinque cittadini italiani tra i 49 naufraghi del traghetto Norman Atlantic, giunti questa mattina a Bari a bordo del mercantile Spirit Of Piraeus. Lo ha reso noto il prefetto di Bari Antonio Nunziante. A bordo 25 greci, 5 georgiani, 2 iracheni, un canadese, 2 tedeschi, 2 siriani, 3 turchi, 2 albanesi e 2 cittadini afgani clandestini. Dopo i controlli medici che si stanno svolgendo a bordo,il personale medico deciderà se procedere al ricovero di alcuni naufraghi. Nel terminal crociere del porto è stata allestita anche un'unità sanitaria di emergenza e sulla banchina sono in attesa ambulanze per l'eventuale trasferimento in ospedale. Al porto di Bari sono anche giunti l'ambasciatore greco e il console onorario.

"La città di Bari ha ancora una volta dimostrato di essere una città ospitale. Il protocollo di emergenza ha funzionato bene e sono già predisposti due alberghi cittadini pronti per l'eventuale accoglienza dei 49 naufraghi". Lo ha detto il sindaco di Bari, Antonio Decaro, che attende sulla banchina del porto di Bari il completamento delle operazioni di soccorso dei naufraghi della Norman Atlantic, giunti questa mattina a bordo di un mercantile. "La Puglia - ha detto il sindaco - ha sempre dato il meglio di sé in queste condizioni di emergenza, tutto ha funzionato bene, il protocollo di emergenza a Bari è partito alle 4 di stanotte e tutto in città è pronto per l'accoglienza e l'eventuale assistenza medica dei naufraghi".

Sono 310 le persone recuperate e 168 quelle ancora da recuperare dal traghetto Norman Atlantic, andato a fuoco ieri al largo delle coste dell'Albania. Le operazioni di soccorso non si sono mai fermate e sono coordinate dalla nave San Giorgio della Marina. Delle 478 persone salpate a bordo del traghetto (422 passeggeri e 56 membri dell'equipaggio) quasi la metà sono greci, tra cui l'unica vittima al momento accertata: un uomo morto mentre cercava di raggiungere una scialuppa di salvataggio. Il suo corpo è stato recuperato e trasferito con una motovedetta ieri sera a tarda ora a Brindisi dove sono stati portati anche 4 feriti più gravi, due che erano a bordo della nave, un aerosoccorritore della Marina e un militare della Capitaneria di porto. Con gli elicotteri sono stati trasferiti in Puglia anche diversi bambini e donne dove sono stati assistiti dai medici e portati in ospedali pugliesi perchè presentano sintomi di ipotermia ma nessuno di loro è in pericolo di vita. Personale medico e sanitario è salito a bordo del Norman Atlantic ed elicotteri della Marina con capacità di visione notturna stanno operando nella zona. E' arrivato nel porto di Bari la nave mercantile Spirit of Piraeus che trasporta 49 naufraghi della nave traghetto Norman Atlantic, recuperati subito dopo l'incendio di ieri a largo di Valona. Il mercantile intorno alle 3 di questa notte era giunto a Brindisi, ma per via del mare grosso e delle difficoltà in porto si è deciso di dirottare l'imbarcazione verso Bari, dopo che un pilota del porto di Brindisi nel tentativo di salire a bordo per dirigere le operazioni di attracco ha riportato una frattura a un braccio e un secondo pilota, a causa delle onde, non è riuscito ad accedere al mercantile. Secondo quanto si è appreso, a bordo della nave mercantile, tra i 49 naufraghi, ci sono tre bambini. I naufraghi hanno sofferto il freddo e la fame poiché sono rimasti senza cibo da ieri. I soccorritori faranno un primo intervento a bordo del mercantile: chi potrà camminare verrà condotto in un presidio medico avanzato allestito all'interno del terminal crociere; tutti gli ospedali della zona sono stati allertati e sono pronti per accogliere i naufraghi. (ANSA)

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook