Venerdì, 21 Gennaio 2022
stampa
Dimensione testo

Archivio

Home Archivio Torna Charlie Hebdo in 16 lingue "Il nostro Maometto è simpatico"
PARIGI

Torna Charlie Hebdo in 16 lingue
"Il nostro Maometto è simpatico"

Un'anteprima tra satira e commozione. E un nuovo video dell'attacco alla redazione del giornale satirico, lo scorso 7 gennaio. I vignettisti di Charlie Hebdo hanno presentato a Parigi la prima pagina del nuovo numero, già destinato ad entrare nella storia e suscitare altre polemiche. Sulla copertina c'è l'immagine di Maometto che piange. "Il nostro Maometto è simpatico. E' il mio personaggio, esiste nella mia matita, esiste quando lo disegno", ha detto il vignettista Luz, autore della copertina con Maometto del primo numero di Charlie Hébdo in edicola domani dopo l'attacco della scorsa settimana, ha spiegato la sua decisione. Ad un certo momento Luz è scoppiato in lacrime. Dopo alcune ore è stato anche anche diffuso un nuovo agghiacciante video dopo il massacro al giornale.Nel filmato amatoriale, mostrato dalla Cnn, i due fratelli, Said e Cherif Kouachi, fermarsi con la Clio nera con la quale erano fuggiti dopo la strage e caricare i mitra mentre urlano più volte "Abbiamo vendicato il profeta Maometto". Davanti a loro una macchina della polizia. I due però, calmi e freddi, salgono a bordo della Clio e iniziano a sparare contro la volante che indietreggia, riuscendo così a fuggire.

"Ho disegnato un Maometto che piange, ho pianto anch'io", ha aggiunto Luz.

L'autorità egiziana che emette gli editti religiosi (fatwa), la "Dar el Iftaa" del Cairo, attacca la pubblicazione delle caricature di Maometto annunciata nel nuovo numero di Charlie Hebdo in edicola domani. E' "una provocazione non giustificabile dei sentimenti di 1,5 miliardi di musulmani nel mondo", ha sostenuto la "casa della fatwa" in un comunicato.

Minacce a Canard Enchainé,"tocca a voi"  - "Adesso tocca a voi": questo messaggio minatorio sarebbe stato ricevuto dal settimanale satirico francese Le Canard Enchainé all'indomani dell'attacco contro Charlie Hebdo. Lo rivela lo stesso giornale in edicola domani.

Non solo Francia. Nuovi sviluppi nella lotta al terrorismo anche in Italia. La Procura di Roma ha aperto un'indagine su alcuni stranieri di fede islamica residenti in Italia sospettati di avere legami con la Jihad. Sarebbero una decina le persone iscritte, secondo quanto si è appreso, nel registro degli indagati per associazione sovversiva con finalità di terrorismo.

Quella di oggi è una giornata di omaggi alle vittime e funerali in Francia, dopo gli attacchi terroristici della settimana scorsa. L'evento più sentito i funerali di Ahmed Merabet, il poliziotto assassinato mercoledì scorso sul marciapiede davanti a Charlie Hebdo. L'agente sarà sepolto nel cimitero musulmano di Bobigny, nella banlieue più calda di Parigi. Merabet, il cui video atroce che ne mostra l'uccisione quando era già a terra ha scioccato la Francia, avrebbe compiuto 41 anni il mese prossimo.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook