Giovedì, 21 Ottobre 2021
stampa
Dimensione testo

Archivio

Home Archivio "Pd colpevole se fallirà sul Colle"
RENZI AL DIRETTIVO

"Pd colpevole se
fallirà sul Colle"

matteo renzi, Sicilia, Archivio, Cronaca

"A chi dice sarai terrorizzato assicuro che in questo mese concluderemo l'iter delle riforme e saremo in condizione di assicurare al paese altri 7 anni di un presidente della Repubblica arbitro rigoroso del bene nostro e del paese. Non deve essere una bandierina ma un punto di riferimento per tutto il paese". Così Renzi in direzione.

"Questa prima direzione del 2015 già ci fa capire il grado di rilevanza e importanza che hanno le sfide che ci attendono, sfide legate alle partite nazionali e istituzionali del Paese e del partito, ma anche di natura più ampia". Con queste parole il premier Matteo Renzi apre la direzione nazionale del Pd. Il 2015 si annuncia, afferma, come un anno "difficile", nel quale "dovremo più che mai riflettere sul ruolo dell'Italia nel Mediterraneo e in Europa".

Sulle riforme "c'è una discussione molto forte, sulla legge elettorale ne abbiamo discusso tante volte e i punti che ci uniscono sono davvero molto numerosi. Siamo ad un passo dal risultato finale e sulla legge elettorale siamo in condizione di fare una svolta storica", ha aggiunto Renzi

"Ritengo opportuno che la direzione si ritenga convocata in modo permanente e che nelle prossime ore il segretario possa essere ospite dei gruppi per dialogare salvo immaginare di arrivare prima del primo voto a formalizzare la proposta riunendo i grandi elettori. Magari non al Capranica come l'altra volta", ha aggiunto il segretario del Pd

"Niente ironie, niente demagogie, coinvolgeremo tutti. Se qualcuno si chiama fuori faremo senza di lui. Non accettiamo veti da nessuno", dice ancora Renzi indicando il metodo per la scelta del presidente della Repubblica, chiamando al confronto anche M5s. Renzi ha invitato, quindi, i Cinque stelle a cogliere l'occasione di stare a tavolo:  "I Cinque stelle se vogliono stare al tavolo, ci stiano. Devono scegliere se essere nelle mani di quelli che vogliono impiccare gli altri o nel gioco istituzionale. Spero colgano l'occasione, faremo anche senza di loro ma sarebbe bello insieme a loro". 

Il Pd ha una "responsabilità" nell'elezione del nuovo presidente della Repubblica per cui "o siamo in condizioni di fare quel che necessario o" se si fallirà come nel 2013 "noi saremo additati come colpevoli".

 

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook