Martedì, 17 Maggio 2022
stampa
Dimensione testo

Archivio

Home Archivio Opposizioni sull'Aventino Renzi, no ai ricatti
CAOS RIFORME

Opposizioni sull'Aventino
Renzi, no ai ricatti

Scontro tra governo e opposizioni sulle riforme. Il Moimento cinque stelle, la Lega e Sel, dopo una riunione dei capigruppo che non ha portato a una mediazione annunciano che lasceranno i laori dell'Aula. Dura la replica del premier Matteo Renzi che di fronte all'assemblea dei parlamentari del Pd ribadisce che non cederà ai ricatti e a all'attacco delle opposizioni: Vogliono bloccare il governo". Ma dalla sinistra Dem arriva un appello a fermarsi.

Dopo una seduta notturna tesa e culminata in una rissa tra i parlamentari di Pd e Sel in mattinata, su richiesta di Lega ed Fi è stata convocata una capigruppo per il prosieguo dei lavori al termine della quale Lega, Sel e Movimento cinque stelle hanno annunciato che non parteciperanno più ai lavori sul provvedimento.  "Queste riforme se le votano da soli", hanno detto. "Le votiamo anche da soli ma speriamo di no", la replica dei Dem. Bisogna evitare che sia presente solo una parte dell'Aula - è l'appello della Boldrini. Forza Italia comunicherà in una conferenza stampa le sue decisioni dopo la fine della riunione del gruppo parlamentare del Pd.

Renzi va all'attacco -  "Abbiamo cercato una mediazione in tutte le sedi. Ora siamo ad un bivio". Così Matteo Renzi, a quanto si apprende, si è rivolto ai deputati dem aggiungendo che sulle riforme le opposizioni stanno giocando la "partita politica della legislatura" più che occuparsi del "merito". "Io non mi faccio ricattare e prendere in giro da nessuno". "Il disegno delle opposizioni non è migliorare l'Italia ma rallentare e bloccare noi". "Noi andiamo avanti ha detto - abbiamo una responsabilità enorme. C'è un derby tra chi vuole cambiare l'Italia e chi vuole rallentare il cambiamento". Nelle opposizioni "sta avvenendo un gigantesco regolamento di conti"

Il premier, 'Ce la votiamo da soli? Problema loro - "Se la minaccia è 've la votate da soli' è un problema loro. Se passa la logica per cui l'ostruzionismo blocca il diritto e dovere della maggioranza di fare le riforme è la fine". Così Renzi, in assemblea Pd, aggiungendo: "Come non mi sono fatto ricattare da Berlusconi per il Colle,non mi faccio ricattare da Grillo sulle riforme".

Minoranza Dem, fermiamoci - La minoranza del Pd è pronta a chiedere a Matteo Renzi una pausa di riflessione nel caso in cui le opposizioni decidessero di lasciare l'Aula sulle riforme. "E' una scelta politica" votare le riforme da soli, ha detto Rosy Bindi nell'assemblea del Pd sospesa per la ripresa dei lavori dell'Aula.

M5s, Lega e Sel via da Aula - "M5S uscirà dall'aula della Camera. Queste riforme se le votano da soli. Sarà uno smacco per l'Italia": lo annuncia Francesca Businarolo (M5S), considerato che "la capigruppo non ha cambiato nulla". Anche i deputati di Sel e della Lega resteranno fuori dall'aula della Camera durante l'esame delle riforme costituzionali: e' quanto emerge dalla conferenza dei capigruppo.

Conferenza stampa Fi - Prima di entrare il capogruppo Fi Renato Brunetta ha fatto sapere che "se ci dovesse essere un irrigidimento da parte della maggioranza tutte le opposizioni hanno già deciso di uscire dall'Aula". L'esponente azzurro ha fatto sapere di essere in contatto con il Quirinale e di avere chiesto al presidente segretario generale del Quirinale, Donato Marra, la disponibilità del presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, a ricevere una delegazione delle forze parlamentari di minoranza della Camera. Anche la minoranza Dem è in subbuglio, è in corso una riunione del gruppo parlamentare del Pd con Renzi.

Blog Grillo, è la notte dalla democrazia - Qui non si tratta più di difendere la Costituzione, si tratta di difendere le istituzioni che si stanno sgretolando sotto i nostri occhi. E' la notte della democrazia, e non si vede luce. Il Parlamento è nel caos. Un uomo solo al comando, e poi tutti contro tutti". Così il blog di Grillo che pubblica l'intervento in Aula di Roberto Fico che definisce "intervento storico a memoria di un gruppo compatto di cittadini che hanno combattuto fino in fondo al grido di "Onestà!", mentre il Paese sprofondava". Il post è commentato da una foto che ritrae la Morte con una falce che sostiene il simbolo del Pd.

Appello Boldrini - "Prendo atto che manchi una visione condivisa, ma bisogna evitare il peggio: e cioè un epilogo in cui solo una parte dell'Aula sia presente". Lo dice la presidente Laura Boldrini ai capigruppo di Montecitorio. Boldrini ricorda che per fermare la seduta fiume serve "l'accordo unanime dei capigruppo".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più condivisi
Oggi
  • Oggi
  • Settimana
  • Mese
X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook