Sabato, 24 Ottobre 2020
stampa
Dimensione testo

Archivio

Home Archivio Autorizzazioni Muos Altri due indagati
DAL PM VERZERA

Autorizzazioni Muos
Altri due indagati

muos indagati, Sicilia, Archivio
muos sicilia

Altre due persone sono state iscritte nel registro degli indagati dalla Procura di Caltagirone nell'ambito del procedimento da tempo aperto per le autorizzazioni del Muos, il sistema di comunucazioni satellitari della Marina militare degli Stati Uniti installato a Niscemi, in provincia di Caltanissetta. Secondo quanto viene confermato in ambienti giudiziari, i nuovi indagati sono Giovanni Arnone, che nel 2011, all'epoca del rilascio dei permessi, era dirigente generale dell'assessorato regionale al Territorio e ambiente, e Mauro Gemmo, presidente dell'impresa "Gemmo spa", impegnata nel cantiere del Muos. Prima che si insediasse a Caltagirone l'attuale procuratore Giuseppe Verzera, erano stati gia' iscritti nel registro degli indagati il direttore dei lavori, Giuseppe Leonardi, e i responsabili di altre quattro ditte partecipanti alla costruzione del Muos: Adriana Parisi, della "Lageco", Concetta Valenti, della "Calcestruzzi Piazza srl", Carmelo Puglisi, della "Pb costruzioni" e Maria Rita Condorelli della "Crc impianti srl". Non trova conferma la notizia diffusa da un giornale locale secondo cui sarebbe indagato anche un cittadino statunitense. Negli ambienti della Procura, tuttavia, si apprende che alcune persone sono in corso di identificazione e potrebbero essere prossimamente iscritte nel registro degli indagati. Il primo aprile scorso, il Muos e' stato sequestrato dal Gip di Caltagirone perche' ritenuto abusivo sotto il profilo delle norme edilizie e ambientali. Il mese scorso, il Tar di Palermo, accogliendo i ricorsi dei comitati No Muos e del Comune di Niscemi, aveva annullato le autorizzazioni concesse dalla Regione, ritenendole illegittime perche' la base militare ricade all'interno di un'area della riserva naturale della Sughereta sottoposto a un vincolo di inedificabilita' assoluta. Inoltre, i giudici amministrativi hanno ritenuto che non siano stati effettuati tutti i necessari esami per verificare eventuali conseguenze nocive per la salute a causa delle radiazioni elettromagnetiche emesse dalle grandi antenne satellitari. (AGI) .

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook