Martedì, 12 Novembre 2019
stampa
Dimensione testo
MODENA

Uccide moglie e suocera
Sotto torchio confessa

E' crollato dopo lunghe ore di interrogatorio, quando era già chiaro che ad uccidere Irene Tabarroni, pensionata di 92 anni, e Francesca Marchi, 52enne insegnante in una scuola elementare di Carpi, non poteva che essere stata una persona a loro molto vicina. E' stato Francesco Grieco, 53 anni, genero della prima e marito della seconda, ad assassinare le due donne con cui abitava nella villetta di campagna di via Padella a Gorghetto di Bomporto, nel Modenese. Era stato lui stesso a dare l'allarme di mattina ai carabinieri, dicendo di essersi alzato e di averle trovate senza vita. Entrambe erano nel proprio letto, a poche stanze l'una dall'altra. La madre colpita da un oggetto appuntito che le ha sfondato il cranio. La figlia, con ogni probabilità, strangolata. Ma non c'erano segni di effrazione agli ingressi della casa, e anche tutti i locali erano risultati in ordine. Non reggeva, insomma, l'ipotesi di una rapina degenerata e i sospetti si sono presto addensati sul 53enne, ex guardia giurata e poi anche custode di una struttura alberghiera negli ultimi anni. Risulta che però il lavoro fosse diventato un problema per l'uomo ultimamente, secondo quanto riferisce il suo legale. L'inchiesta, coordinata dal sostituto procuratore di Modena Claudia Ferretti, ha subito evidenziato le anomalie di una scena del delitto che contrastava con l'ipotesi di una incursione dall'esterno dell'abitazione. Per lunghe ore gli inquirenti hanno anche cercato l'arma utilizzata dall'assassino dentro la casa e nei dintorni, senza riscontri. Dai locali della villetta erano stati sequestrati oggetti, e forse andrà cercato tra questi il corpo contundente utilizzato per ammazzare la pensionata colpendola in testa. I vicini interpellati dopo il terribile fatto di sangue hanno subito ricordato le tensioni di cui viveva la famiglia di Grieco, con litigi all'ordine del giorno che però non erano mai sfociati in qualcosa di realmente preoccupante. Ai carabinieri e al magistrato, il 53enne avrebbe detto di aver agito d'impulso, volendo anche uccidersi dopo essersi reso conto di aver posto fine alla vita della moglie e della suocera. Ma di non aver avuto il coraggio di farlo. L'uomo è stato fermato.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook