Venerdì, 27 Gennaio 2023
stampa
Dimensione testo

Archivio

Home Archivio Renzi: "Italia in moto, ma senza riforme fallirei"
GOVERNO 2015

Renzi: "Italia in moto, ma senza riforme fallirei"

matteo renzi, Sicilia, Archivio, Cronaca
Renzi

"L'Italia non dichiara la guerra al'Europa: noi chiediamo solo di far rispettare le regole a tutti. Chiediamo rispetto per l'Italia e chiediamo chiarezza", spiega Renzi sui rapporti del nostro Paese con L'Ue.

Che Bruxelles accolga le richieste italiane sulla flessibilità sulla legge di Stabilità "lo darei per scontato", perché l'Italia non solo "non chiede sconti", ma ha rispettato "tutte le regole" e "chiede che le regole Ue siano rispettate da tutti". E aggiunge: "Rispettiamo tutte le regole e pretendiamo rispetto".

"Non credo che ci sia schiavitù o barbarie in Italia". Così il premier Matteo Renzi, durante la conferenza stampa di fine anno, risponde al presidente dell'Ordine dei giornalisti, Enzo Iacopino, che aveva parlato di "schiavitù" da parte di alcuni editori. "La mia posizione sull'ordine dei giornalisti è nota: io sarei per abolirlo", aggiunge Renzi.

Poi di nuovo sulla situazione economica: "Si diceva che l'Italia era in stagnazione perenne: se guardiamo dati vediamo che il segno più torna a crescere: era previsto lo 0,7% e siamo allo 0,8". 

Il tasso di disoccupazione è ancora molto altro, troppo alto, ma è all'11,5%. Quando ti capita di essere fermato da un ragazzo che ti dice 'ti ringrazio perché ho un contratto a tempo indeterminato ti rendi conto che tante polemiche sul jobs act hanno visto il 2015 portare un po' di chiarezza, ci sono più tutele non meno tutele". Tuttavia, prosegue il premier, "ancora non basta, non sono soddisfatto del risultato".

E a proposito delle riforme costituzionali: "Immaginiamo il referendum nel mese di ottobre 2016". "Se il 2015 è stato l'anno delle riforme, il 2016 sarà l'anno dei valori". Renzi sottolinea che la legge di stabilità, che in molti criticano come "mance e mancette", invece "mette denaro" su settori come "scuola università, cultura, servizio civile". "Se perdo il referendum allora fallita la mia politica"; sottolinea Renzi.

Quello delle unioni civili è "un tema che va depurato da tensioni di natura politica stretta. E' un tema che divide, anche dentro il Pd ci sono molte divisioni, e ce ne sono anche dentro FI. Ma io dico che dobbiamo portarle a casa, e che il 2016 non può che essere l'anno chiave."

Renzi parla poi del suo futuro dopo aver rivestito la carica di premier:"Questo sarà il mio ultimo ruolo pubblico come è naturale che sia". "Quando hai fato questo ruolo dopo lasci: per me dunque questo sarà l'ultimo incarico pubblico".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook