Martedì, 19 Gennaio 2021
stampa
Dimensione testo

Archivio

Home Archivio Italia in deflazione nel 2016
NON ACCADEVA DAL 1959

Italia in deflazione nel 2016

deflazione, italia, Sicilia, Archivio, Cronaca
Cresce la spesa per le famiglie

I dati definitivi dell'Istat confermano che nel 2016, i prezzi al consumo hanno registrato una variazione negativa (-0,1%) come media d'anno. "E' dal 1959, quando la flessione fu pari a -0,4%, che non accadeva", spiega l'istituto di statistica.

A dicembre 2016, l'indice nazionale dei prezzi al consumo ha registrato un aumento dello 0,5% nei confronti di dicembre 2015. Lo comunica l'Istat confermando la stima preliminare. Il tasso di inflazione nell'ultimo mese dell'anno è risultato così il maggiore da due anni e mezzo a partire da maggio del 2014 (quando era stato sempre dello 0,5%), ma si è rivelato insufficiente a risollevare il risultato dell'intero 2016, che ha chiuso in deflazione per la prima volta da 57 anni. Anche rispetto a novembre 2016 l'indice dei prezzi è cresciuto dello 0,4%.
   

L'inflazione di fondo, calcolata al netto dei beni energetici e degli alimentari freschi, sale a +0,6% a dicembre (da +0,4% del mese precedente). Al netto dei soli beni energetici si attesta a +0,7% (da +0,4% di novembre). La ripresa dell'inflazione nell'ultimo mese 2016 è dovuta principalmente all'accelerazione della crescita dei prezzi dei servizi relativi ai trasporti (+2,6%, da +0,9% di novembre), degli energetici non regolamentati (+2,4%, da +0,3% di novembre) e degli alimentari non lavorati (+1,8%, era +0,2% il mese precedente). Dopo trentaquattro mesi di variazioni tendenziali negative, i prezzi dei beni tornano a registrare una variazione positiva (+0,1%, da -0,4% di novembre), mentre il tasso di crescita dei prezzi dei servizi accelera, portandosi a +0,9% (era +0,5% a novembre). L'aumento su base mensile è principalmente dovuto agli aumenti dei prezzi dei servizi relativi ai trasporti (+1,9%), degli energetici non regolamentati (+1,1%), degli alimentari non lavorati (+1%) e dei servizi ricreativi, culturali e per la cura della persona (+0,5%). (ANSA)

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook