Venerdì, 15 Novembre 2019
stampa
Dimensione testo
INFLUENZA

Medici di famiglia: "Prolungare campagna vaccinazione"

influenza, medici di famiglia, vaccino antinfluenzale, Sicilia, Archivio, Cronaca
Influenza, vicini ai 100mila italiani a letto

Prolungare la campagna di vaccinazione antinfluenzale. E' la richiesta fatta al ministero della Salute dalla Federazione italiana dei medici di medicina generale (Fimmg). "Stiamo purtroppo cominciando a contare i decessi per sindrome influenzale o complicanze ad essa legate ed è più che mai importante non abbassare la guardia per evitare di raggiungere i tristi traguardi registrati nelle precedenti epidemie stagionali", afferma Tommasa Maio, responsabile dell'Area vaccini della Fimmg. I dati divulgati dall'ultimo report della rete Influnet, sottolinea Maio, "ci segnalano non solo l'anticipo del picco influenzale ma anche che l'età mediana delle forme gravi e complicate di influenza è di 71 anni. L'83% dei casi gravi e il 100% dei decessi segnalati presentano almeno una patologia cronica preesistente". Inoltre, "i sistemi di sorveglianza virologica sia nazionali che europei dimostrano che al momento sono dominanti i virus di tipo A appartenenti al sottotipo H3N2. Gli studi effettuati negli ultimi anni hanno dimostrato che quando ciò accade gli anziani sono i soggetti maggiormente colpiti, con un conseguente alto numero di ospedalizzazioni e un aumento della mortalità in questa fascia d'età". Per questo motivo, annuncia, "la nostra Federazione, sulla base delle informazioni divulgate dagli esperti dell'Istituto superiore di sanità e dell'ECDC, ha inviato una formale richiesta al ministero della Salute affinché sia protratta la campagna e possa continuare in tutti gli studi dei medici di famiglia e presso i Dipartimenti di prevenzione la somministrazione di vaccino antinfluenzale in particolare dei soggetti anziani e dei cronici". Tale indicazione, conclude, "potrebbe essere prontamente attuata con l'impiego delle dosi di vaccino precedentemente acquistate ma rimaste inutilizzate ed, inoltre, rappresenterebbe un elemento di contenimento del massivo accesso ai sistemi di assistenza territoriali ed ospedalieri, determinato da complicanze legate alle sindromi influenzali, che stiamo registrando in tutte le regioni italiane sin dall'inizio del periodo epidemico".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook