Martedì, 26 Ottobre 2021
stampa
Dimensione testo

Archivio

Home Archivio Caso clochard, don Ciotti "Fermiamo l'odio"
ROMA

Caso clochard, don Ciotti "Fermiamo l'odio"

clochard, don ciotti, Sicilia, Archivio
Don Ciotti: antimafia da cambiare

"È l'ennesimo segno di una disumanità enorme e noi dobbiamo chiederci quanto queste violenze siano frutto di un clima di egoismo, indifferenza e ostilità verso le persone più deboli o diverse. Persone fragili esposte all'indifferenza ma anche alla violenza verbale". Lo afferma a Repubblica don Luigi Ciotti, fondatore di Libera, sul caso del clochard morto carbonizzato. "È il caso - spiega - di partire dalla parole. Alcune campagne che vengono fatte si alimentano contro i migranti, chi vive per strada o ha un diverso orientamento sessuale. Così si danno assurde giustificazioni a chi compie violenze contro gli emarginati. Serve una dieta della parole" come le "parole di odio che leggiamo ogni giorno".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook