Lunedì, 17 Gennaio 2022
stampa
Dimensione testo

Archivio

Home Archivio Il rilancio del Sud, la Via della Seta tricolore
EDITORIALE

Il rilancio del Sud, la Via della Seta tricolore

di
editoriale, lino morgante, Sicilia, Archivio, Cronaca
Il rilancio del Sud, la Via della Seta tricolore

L e infrastrutture strumento per rianimare l’economia? In Cina ci credono, a tal punto da avere convinto pure il nostro presidente del Consiglio. Tanto entusiasta che ha garantito, in occasione della sua “due giorni” a Pechino, un’Italia protagonista nel progetto finalizzato a “unire” Asia ed Europa. E non solo. «Credo che la mia presenza in questa occasione abbia il significato di sottolineare quanto sia importante, anche per noi italiani, collegare il Mar Cinese e il Mediterraneo, l’Europa e l’Asia», ha affermato Gentiloni. Grande enfasi nell’immaginare le ricadute economiche per l’Italia: ci sono infrastrutture da realizzare assieme ai Paesi attraversati dalla nuova “Via della Seta terrestre” e, al contempo, grandi opportunità per i nostri porti, indispensabili a rendere operativa la “Via della Seta Marittima”. Al presidente del Consiglio non è sfuggita l’importanza del Mediterraneo per il successo dell’iniziativa cinese, tra l’altro alla luce del recente raddoppio del Canale di Suez, e conseguentemente della nostra logistica portuale. «Servono porti che colleghino rapidamente l’Europa via mare. Noi abbiamo un’offerta fortissima che viene, anzitutto, da Trieste e Genova». Non c’è altro? È necessario ricordare che la Sicilia è un hub naturale che può intercettare miliardi di euro di traffici marittimi, che lo scalo di Gioia Tauro è propedeutico a qualunque progetto di rinascita della Calabria? È tempo di riparlare, seriamente e una volta per tutte, di collegamento stabile col Continente, di alta velocità ferroviaria, di reti autostradali, di portualità, di intermodalità. Il rilancio del Sud, dopo anni di distruttivo immobilismo, è la Via della Seta tricolore. L’ottimismo di facciata e le belle parole non faranno scomparire 2.240 miliardi di debito pubblico, non tonificheranno la crescita del Pil (ancora a livello di decimali), non creeranno occupazione e non metteranno all’angolo gli speculatori. Questi ultimi aspettano, per guadagnare miliardi a danno dei risparmiatori, che la Bce tolga l’ombrello a protezione dei titoli di Stato. È ora di svegliarsi, se non vogliamo diventare sempre più insignificanti. Non nel mondo, si badi bene, ma nella “piccola” Europa

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook