Mercoledì, 05 Ottobre 2022
stampa
Dimensione testo

Archivio

Home Archivio Jihadisti combattenti addestrati dal califfo
UNITA' SPECIALE

Jihadisti combattenti addestrati dal califfo

di
barcellona, jihadisti, terroristi, Sicilia, Archivio, Cronaca
Jihadisti combattenti addestrati dal califfo

I terroristi islamici che hanno colpito a Barcellona fanno parte di una unità speciale che il Califfato sta addestrando in zone sperdute della Siria. Si tratta di aderenti alla cosiddetta Brigata Al-Kharsha, la cui esistenza è stata rivelata dai servizi di informazione inglesi. La notizia è poi trapelata attraverso la stampa britannica, che ha fatto cenno a possibili attentati condotti da jihadisti indottrinati in Medio Oriente. Secondo gli analisti, si tratterebbe di “foreign fighters”, ex combattenti Isis in arrivo dall’Europa e in possesso di passaporti “puliti”. Questa circostanza permetterebbe loro di muoversi in piena libertà e di preparare attentati appoggiandosi a cellule islamiste locali. Secondo gli analisti israeliani, gli aderenti a questo gruppo (il cui nome completo è Amniyat Al-Kharji) ricevono un addestramento eccezionalmente duro, che li prepara non solo a morire, ma anche a essere particolarmente spietati. Sempre secondo fonti di Gerusalemme, i miliziani-kamikaze più abili vengono subito spediti “in sonno” nei Paesi di provenienza, dove viene chiesto loro di aspettare un segnale prestabilito per mettersi in azione. Gli altri elementi “laureati” a questa sorta di università dell’estremismo restano in Siria e agiscono come ufficiali di collegamento con le centrali del Califfato. I servizi occidentali stimano in almeno una cinquantina i terroristi pronti a colpire in Europa. Questa specie di super-terroristi oltre a subire un pesante indottrinamento, sono addestrati allo stesso modo delle truppe speciali degli eserciti più moderni. Si pensa che nella prima metà del 2017 in Siria e in Iraq fossero presenti circa 5mila “foreign fighters”, provenienti in massima parte dall’Europa Occidentale. Circa 1500 sarebbero stati rispediti nei Paesi di provenienza e molti sarebbero pronti a entrare in azione. In generale, come nel caso spagnolo, gli attacchi sembrano programmati da un’unica centrale, che probabilmente fa capo al comando supremo del Califfato.

In altre occasioni, invece, i terroristi in sonno potrebbero agire con una sorta di “franchising”, senza avvertire prima. Sarà poi l’agenzia di stampa del califfato (site) a rivendicare l’attacco.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook