Lunedì, 03 Ottobre 2022
stampa
Dimensione testo

Archivio

Home Archivio Fidanzati uccisi a Lecce: ergastolo per De Marco. Il padre di De Santis: "Condanna non colma vuoto"
LA SENTENZA

Fidanzati uccisi a Lecce: ergastolo per De Marco. Il padre di De Santis: "Condanna non colma vuoto"

La Corte d’Assise ha emesso il suo giudizio dopo l'omicidio di Daniele De Santis ed Eleonora Manta del settembre 2020. Il 21enne non era in aula
fidanzati, lecce, omicidio, Sicilia, Archivio
Eleonora Manta e Daniele De Santis

È stato condannato all’ergastolo Antonio De Marco, il giovane studente reo confesso dell’omicidio dell’arbitro leccese Daniele De Santis e della sua fidanzata Eleonora Manta, uccisi la sera del 21 settembre 2020 nella loro casa in via Montello, che per mesi avevano condiviso con il loro assassino. La sentenza è stata pronunciata oggi dai giudici della Corte d’Assise di Lecce.
Per De Marco non è stato disposto l'isolamento diurno per un anno come aveva chiesto la Procura che invece ha visto accogliere la richiesta dell’ergastolo. In aula non erano presenti né De Marco né i suoi genitori. C'erano invece i famigliari delle vittime.

Il papà di Daniele: "La condanna non colma vuoto"

«Nessuna sentenza potrà mai colmare il vuoto che ha lasciato». Sono le uniche parole pronunciate dal papà di Daniele De Santis dopo la lettura della sentenza. Nell’aula bunker di Lecce c'era anche la mamma di Eleonora, che dopo aver ascoltato la condanna si è coperta il viso con le mani ed è scoppiata a piangere, fino a quando è stata accompagnata in una saletta dove è rimasta a lungo.

Avv. Fazzini: "Non può esserci perdono"

«Meglio che» De Marco «non sia venuto» in aula; «è una persona che non si è mai pentita di nulla, non ha mai chiesto perdono, nulla. Non può esserci perdono, quello che ha fatto è inqualificabile, lo abbiamo visto tutti». È quanto afferma l’avvocato Mario Fazzini, legale della famiglia De Santis. «Non è stato riconosciuto solo l’isolamento diurno – aggiunge il legale -. La pena dell’ergastolo era scontata per come sono andati i fatti e per come è giusto che fosse. Non poteva essere diversamente. Hanno cercato di avere l’infermità mentale e non ci sono riusciti. È la giusta punizione da un punto di vista della giustizia terrena».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook