Domenica, 19 Settembre 2021
stampa
Dimensione testo

Cinema

Home Cultura Cinema “Cuntami”: l’arte tutta siciliana di raccontare storie a Venezia nel film di Giovanna Taviani
MOSTRA DEL CINEMA

“Cuntami”: l’arte tutta siciliana di raccontare storie a Venezia nel film di Giovanna Taviani

Il film non fiction, che arriverà in sala con Cloud 9 (coproduttore con Rai Cinema), non segue la strada del «classico documentario didascalico» ma quella d’un road movie di scoperta scandito da «un coro polifonico di voci, nel quale si uniscono tanti “cunti” – spiega la regista
Mimmo cuticchio, Sicilia, Sicilia, Cinema
Mimmo Cuticchio

«Primo e unico cuntista e puparo vivente», il maestro assoluto di queste arti, Mimmo Cuticchio è il filo rosso che unisce la «nouvelle vague» di narratori orali siciliani, impegnati sia nel raccontare il mito e la grande letteratura, da Ulisse a Orlando, sia nel testimoniare il loro impegno civile anche contro la mafia, in CUNTAMI, il documentario di Giovanna Taviani, che debutta nelle Notti veneziane delle Giornate degli Autori alla 78. Mostra di Venezia.

Il film non fiction, che arriverà in sala con Cloud 9 (coproduttore con Rai Cinema), non segue la strada del «classico documentario didascalico» ma quella d’un road movie di scoperta scandito da «un coro polifonico di voci, nel quale si uniscono tanti “cunti” – spiega all’Ansa Giovanna Taviani – . Non volevo fare un semplice ritratto di narratori orali, ma costruire anche un mio viaggio personale verso questi talenti».

Un percorso che partendo dal mare ci porta nella Palermo di Cuticchio, con la sua missione di trasmettere l’arte del cunto e dei pupi anche alle nuove generazioni. Poi si va a Partinico, da Vincenzo Pirrotta che in testi come “La ballata delle balate” denuncia i latitanti mafiosi che si nascondono nel territorio. Arriviamo a Trapani con Gaspare Balsamo che immagina, fra gli altri, un incontro tra Don Chisciotte e Peppino Impastato. A Gela, Mario Incudine ripropone il “Lamentu di Turiddu Carnevale” (dedicato al sindacalista ucciso dalla mafia negli anni 50) scritto da Ignazio Buttitta per una leggenda della narrazione popolare, Ciccio Busacca (scomparso nel 1989). Con Giovanni Calcagno si arriva a Paternò, dove ha sede proprio la Casa Museo del cantastorie in memoria di Busacca, e a Piedimonte Etneo per il “cunto” del Ciclope innamorato. Il finale di nuovo nel capoluogo, con Cuticchio / Don Chisciotte, accanto al narratore orale iracheno Yousif Latif Jaralla / Sancho Panza.

«Cinque anni fa mi ero trasferita a Palermo per lavoro – spiega la documentarista, da sempre legata, anche per ragioni famigliari e come direttrice del Salina DocFest, alla Sicilia, già esplorata in “Fughe e approdi” – . Conoscevo bene Cuticchio, ma così ho potuto scoprire il suo Festival, “La macchina dei sogni” dove ho visto anche gli altri narratori, giovani colti e appassionati, una comunità forte, legata anche nella battaglia civile, non dalla ideologia ma dalla tradizione».

“Cuntami” «è nato sia dall’esigenza di raccontare questo mondo meraviglioso che da una mia esigenza personale» aggiunge la regista, che nei tre anni di lavoro al film ha perso il padre Vittorio e la madre Carla. «Raccontare ed ascoltare delle storie è l’unico modo per vincere la morte e non sentirsi soli, dobbiamo continuare e farlo con i nostri figli e i nostri nipoti».

© Riproduzione riservata

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook