Venerdì, 30 Ottobre 2020
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca 'Ndrangheta in Piemonte, chiesto il rinvio a giudizio per l'ex assessore Rosso
PROCESSO "FENICE"

'Ndrangheta in Piemonte, chiesto il rinvio a giudizio per l'ex assessore Rosso

'ndrangheta, Sicilia, Cronaca
L'ex assessore regionale del Piemonte Roberto Rosso

Il pm Paolo Toso ha chiesto il rinvio a giudizio per nove imputati, tra i quali l’ex assessore della Regione Piemonte, Roberto Rosso, nell’udienza preliminare per l’inchiesta chiamata Fenice, sulle infiltrazioni della 'ndrangheta in Piemonte. Rosso, detenuto dallo scorso dicembre nel carcere delle Vallette, è accusato di voto di scambio politico-mafioso.

Secondo l’accusa, in occasione delle elezioni regionali del 2019, dove era candidato per Fdi, fece avere del denaro a due persone vicine alla 'Ndrangheta in cambio di un pacchetto di voti. «Abbiamo scelto il rito ordinario - spiega l’avvocato di Rosso, Giorgio Piazzese - perché intendiamo dimostrare la totale estraneità di Rosso a qualsiasi contatto con la criminalità organizzata».

Hanno scelto il rito abbreviato Onofrio Garcea e Francesco Viterbo, due degli undici imputati nel processo partito dall’inchiesta. Il giudice Elena Rocci, durante l'udienza preliminare che si è tenuta oggi al Tribunale di Torino, ha accolto le richieste. In aula l'imputato Francesco Franzè ha reso dichiarazioni spontanee, dichiarandosi estraneo alle accuse. L’udienza preliminare è stata rinviata a venerdì.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook