Giovedì, 26 Novembre 2020
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Casapound, la viceministra Castelli: "Ordinato lo sgombero della sede di Roma"
VIA NAPOLEONE III

Casapound, la viceministra Castelli: "Ordinato lo sgombero della sede di Roma"

"Ho appena saputo che è stato ordinato lo sgombero da Via Napoleone III a Casapound. Ci lavoriamo da tanto, finalmente si ristabilisce la legalità". Lo scrive la viceministra dell’Economia, Laura Castelli.

"C'è stato solo un incontro sulla richiesta di sgombero» della sede di Casapound di via Napoleone III", ha detto il responsabile romano del movimento di estrema destra, Davide Di Stefano.

L’incontro si è svolto in questura e vi ha partecipato una rappresentanza di Casapound. Nei giorni scorsi la sindaca di Roma Virginia Raggi aveva inviato due lettere al ministro della Difesa Lorenzo Guerini e a quello dell’Economia Roberto Gualtieri chiedendo lo sgombero di due occupazioni abusive di Casapound Italia. Si trattava appunto della «storica» sede di via Napoleone III, nel cuore del quartiere Esquilino, e di una nuova occupazione di un complesso edilizio di Ostia, in via delle Baleniere, gestita da un’associazione spalleggiata da Casapound Italia.

Al Ministero dell’Economia, proprietario dell’edificio all’Esquilino, la sindaca aveva chiesto lumi circa l’iter di sgombero dell’immobile "occupato illegalmente da 15 anni". A Guerini la prima cittadina ha chiesto "di ripristinare la legalità negli immobili di Ostia" di proprietà dell’Aeronautica Militare.

"Finalmente qualcosa si muove sullo sgombero del palazzo occupato abusivamente da Casapound in centro a Roma. Ripristiniamo la legalità". Così la sindaca di Roma Virginia Raggi in un tweet.

 

© Riproduzione riservata

TAG: ,

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook