Mercoledì, 20 Gennaio 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Altre 5 regioni in zona arancione: Umbria, Abruzzo, Basilicata, Liguria e Toscana
L'EPIDEMIA

Altre 5 regioni in zona arancione: Umbria, Abruzzo, Basilicata, Liguria e Toscana

Cinque regioni in area gialla passano in area arancione. Lo stabilisce, a quanto si apprende, l’ordinanza che il ministro della Salute, Roberto Speranza - sulla base dei dati elaborati dalla Cabina di Regia che si è riunita oggi - firmerà in serata e che andrà in vigore a partire da mercoledì 11 novembre. Passeranno in area arancione le regioni Abruzzo, Basilicata, Liguria, Toscana e Umbria. Mentre passa in area rossa la provincia di Bolzano. E’ in atto un’ulteriore verifica dei dati epidemiologici che riguarderà tutte le altre Regioni d’Italia. La giornata di domani, sempre a quanto si apprende, sarà interamente dedicata alla situazione della Regione Campania.

"Il ministro Speranza mi ha anticipato poco fa l’esito della riunione che ha stabilito il passaggio dell’Abruzzo, insieme ad altre quattro Regioni - Umbria, Basilicata, Liguria e Toscana - nella zona arancione".  Lo ha dichiarato il Presidente dell’Abruzzo, Marco Marsilio. "Gli effetti del provvedimento che il ministro si appresta a firmare in serata avranno decorrenza dalla giornata di mercoledì", ha aggiunto Marsilio.

«La Liguria da mercoledì 11 novembre diventerà zona arancione per i prossimi 14 giorni. Me lo ha appena comunicato il ministro Speranza. Pur rimanendo perplesso sulla differenza di trattamento rispetto alla scorsa settimana, a fronte di numeri più o meno simili, ritengo sia doveroso non entrare in polemica con il Governo e prendere atto di questa decisione». Lo ha annunciato il governatore ligure, Giovanni Toti su Facebook. «Indubbiamente i nostri ospedali sono sotto forte pressione - ha detto Toti - il mondo medico chiede interventi e in queste situazioni riteniamo che il criterio di prudenza debba sempre prevalere».

A questo punto, in attesa delle decisioni sulla Campania previste per domani, questo è il quadro della situazione: al momento sono in fascia rossa - che prevede tra l’altro il divieto di ogni spostamento, anche all’interno del proprio Comune, in qualsiasi orario, la scuola in presenza solo fino alla prima media e la chiusura di negozi, bar e ristoranti - Calabria, Lombardia, Piemonte, Valle d’Aosta, cui si aggiunge la Provincia di Bolzano, entrato oggi in fascia rossa. In fascia arancione, considerata «intermedia» e che prevede il divieto di spostamento tra una regione e tra un comune e l’altro, sono collocate Puglia e Sicilia, cui si sono aggiunte dopo la Cabina di regia di oggi anche Abruzzo, Basilicata, Liguria, Toscana e Umbria.

Rimangono in fascia gialla, che ha le misure restrittive valide in tutto il Paese (il «coprifuoco» dalle 22 alle 5, la chiusura di musei e mostre, la didattica a distanza alle superiori e la riduzione fino al 50% per il trasporto pubblico) Campania, Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Marche, Molise, Provincia di Trento, Sardegna, Veneto.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook