Venerdì, 05 Marzo 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca "Chi l'ha visto?", le novità sul caso di Peter e Laura. Indagato il figlio 30enne
IL GIALLO DI BOLZANO

"Chi l'ha visto?", le novità sul caso di Peter e Laura. Indagato il figlio 30enne

«Chi l’ha visto?», mercoledì 20 gennaio alle 21.20 su Rai3, torna a Bolzano per le novità sulla vicenda di Peter e Laura, marito e moglie scomparsi nel nulla. Il figlio della coppia è indagato per duplice omicidio e occultamento di cadavere. E poi le immagini, mai mostrate prima, di una telecamera di sorveglianza nella notte in cui Giulia Di Sabatino è stata trovata morta sull'asfalto di un’autostrada. Inoltre gli appelli, le richieste di aiuto e le segnalazioni di persone in difficoltà.

Il figlio accusato di averli uccisi e fatti sparire

Dopo due settimane di ricerche a tappeto lungo l’Isarco e l’Adige, come anche sul Renon, la montagna che sovrasta Bolzano, è arrivata una svolta nell’inchiesta sulla scomparsa di Peter Neumair e Laura Perselli. I due insegnati bolzanini in pensione di 63 e 68 anni sono spariti nel nulla lo scorso 4 gennaio. La procura di Bolzano ha ora indagato il figlio Benno, 30 anni, per omicidio volontario e occultamento di cadavere. L’appartamento in via Castel Roncolo, nel quale i coniugi vivevano con il figlio, è stato posto sotto sequestro. L’attenzione dei Ris ora si concentra anche sulla vettura della famiglia. Benno Neumair resta comunque a piede libero.

Per il momento non è stata adottata nessuna misura cautelare nei sui confronti. "Benno è devastato per la scomparsa dei suoi genitori», racconta il suo legale, l’avvocato bolzanino Flavio Moccia, un amico di famiglia. «Le ultime due settimane - ha aggiunto - sono state terribili, dovendo vivere nell’incertezza su cosa sia capitato ai sui genitori». Secondo il legale, l’avviso di garanzia «è un atto dovuto a tutela del cittadino», anche se definisce "fantasiosa» la ricostruzione degli inquirenti che avrebbe portato all’iscrizione nel registro degli indagati del giovane, insegnante e appassionato di culturismo. Mentre proseguono le ricerche dei due coniugi, soprattutto lungo il corso dell’Adige a sud di Bolzano, sono vari i fronti sui quali si sta muovendo l’inchiesta. Il giardino della palazzina storica in via Castel Roncolo è stato setacciato ieri, senza però trovare elementi utili.

Sono sotto sequestro l'appartamento in affitto della coppia e un altro, nella stessa palazzina, del quale i Neumair avevano la disponibilità, visto che la proprietaria attualmente non lo occupa. I sigilli sono stati posti anche a un appartamento della famiglia sul Renon. I Ris, questa mattina, si sono poi recati alla caserma 'Guellà di Laives, dove è stata portata la macchina della famiglia, una Volvo. In presenza del legale di Benno Neumair sono stati effettuati accertamenti approfonditi all’interno dell’abitacolo. Gli inquirenti mantengono massimo riserbo, ma la svolta sembra sia arrivata da una testimonianza. Qualche vicino parla di una convivenza non sempre facile, ma all’apparenza nulla di preoccupante. «Benno - racconta l’avvocato Moccia - in questi giorni non lavora, proprio per mettersi completamente a disposizione degli inquirenti che incontra tutti i giorni». Il mistero della fine dei suoi genitori è ancora da risolvere.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook