Venerdì, 05 Marzo 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Nuovo dpcm: seconde case, si può andare se di proprietà o in affitto
CORONAVIRUS

Nuovo dpcm: seconde case, si può andare se di proprietà o in affitto

Boccia, Governo ritira impugnative se Regioni collaborano

Rebus seconde case, nuova precisazione sul nuovo dpcm. Possono essere raggiunte da un’altra regione purché si tratti di un’abitazione di proprietà o in affitto; resta invece il divieto se il proprietario è un parente. In attesa che le "Faq" della presidenza del Consiglio chiariscano in maniera più netta le indicazioni del Dpcm in vigore da sabato scorso, è il sottosegretario all’Interno, Achille Variati, a fissare i paletti agli spostamenti degli italiani fino al prossimo 15 febbraio. Intanto, il ministro degli Affari regionali, Francesco Boccia, offre una 'treguà alle Regioni, dopo lo stop della Corte Costituzionale alla legge della Valle d’Aosta che alleggeriva le misure anti-Covid rispetto a quelle statali: il Governo, annuncia Boccia, ritirerà le impugnative delle leggi regionali se le Regioni si muoveranno nella rotta della «leale collaborazione» tracciata dalla Consulta.

La circolare inviata ieri a tutti i prefetti dal capo di Gabinetto del ministero dell’Interno, Bruno Frattasi, ricalca sostanzialmente quanto filtrato nei giorni scorsi da Palazzo Chigi: e cioè che, rispetto al decreto in vigore per le festività natalizie, il provvedimento del 14 gennaio apre alla possibilità di spostarsi da una regione all’altra per andare in una seconda casa. La novità - sulla quale non c'era una posizione unanime nel Governo, con l’ala prudente, in testa il ministro della Salute, Roberto Speranza, che era contraria - non è stata però esplicitata: la circolare si limita infatti a definire consentiti gli spostamenti tra regioni in caso di "rientro alla propria residenza, domicilio o abitazione». Mentre il precedente decreto vietava nero su bianco gli spostamenti verso le seconde case. Il sottosegretario Variati ha oggi chiarito che «si può sempre, eccetto nelle ore di coprifuoco, tornare nella propria residenza o abitazione.

Una seconda casa è un’abitazione e non è esplicitato nel nuovo Dpcm il divieto di andare nella seconda casa purché si tratti di una propria proprietà o ci sia comunque un contratto di affitto, ergo è possibile spostarsi», anche fuori regione. «Se la casa è proprietà di un altro, anche se parente - ha aggiunto - non può essere considerata seconda casa. Ovviamente la norma può essere oggetto di una precisazione, al momento non prevista». Le Regioni, da parte loro, possono interpretare in maniera più restrittiva l’indicazione del Governo. Il presidente della Toscana, Eugenio Giani, ha già annunciato un’ordinanza per prevedere l’obbligo della presenza in loco del medico di famiglia per chi intende spostarsi nella regione. Ed anche il governatore altoatesino, Arno Kompatscher, non esclude un inasprimento delle misure anti-Covid in Alto Adige, se la situazione delle terapie intensive dovesse peggiorare. L’Unione delle comunità montane (Uncem), da parte sua, definisce invece "un segnale di apertura positivo» quello sulle seconde case. Ma ora, aggiunge, «occorre sancire in modo definitivo che le attività sportive amatoriali sulla neve, in particolare ciaspole e scialpinismo, passeggiate e gite, si possono svolgere raggiungendo tutte le località montane».

Questo perché, secondo l'Uncem, «consentire di raggiungere località montane per svolgere attività sportiva amatoriale individuale non alimenta il contagio». Si vedrà se nei prossimi giorni dalla presidenza del Consiglio, alle prese con la crisi di Governo, arriveranno chiarimenti: per ora sul sito la sezione sulle "Faq" è in aggiornamento e le risposte contenute sono ancora quelle relative alle disposizioni scadute il 15 gennaio. Nel frattempo, Boccia ha scritto al presidente della Conferenza delle Regioni, Stefano Bonaccini, per informarlo dell’"insegnamento e dell’opportunità» che la sentenza della Consulta sulla Valle d’Aosta offre a tutte le Regioni. «Proporrò al Consiglio dei ministri - informa - il ritiro dell’impugnativa sulla legge della Valle d’Aosta e dei provvedimenti simili delle altre Regioni di fronte ad un ulteriore raccordo tra Stato e Regioni e relative integrazioni nella gestione dell’emergenza sanitaria e nel rafforzamento delle misure di contrasto al Covid-19».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook