Martedì, 07 Dicembre 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Coronavirus, i cani possono scoprire chi è positivo
COVID

Coronavirus, i cani possono scoprire chi è positivo

Con lo stratagemma del gioco con una pallina, che ne rappresenta «il premio» da conquistare, sono capaci di fiutare il Covid 19. Sono i primi cani anti-Covid del Gruppo di sicurezza e vigilanza «Italpol» che ha scelto  l'area arrivi del Terminal 3, aperta al pubblico, dell’aeroporto di Fiumicino come esercitazione e prima uscita pubblica solo «dimostrativa», che non ha coinvolto passeggeri ma personale Italpol che si è prestato come soggetti da identificare, per far vedere come siano capaci di individuare, grazie ad un addestramento durato 6-8 settimane, un possibile contagio, anche prima della comparsa dei sintomi. La scelta di Italpol è caduta sul "Leonardo da Vinci" riconosciuto come primo scalo al mondo, da Aci-Airports Council International World ed Aci Europe, per la lotta al covid19. ADR è stata premiata per la cura, la prevenzione e l’affidabilità nel proteggere passeggeri e personale aeroportuale ma soprattutto per la garanzia di volare in totale sicurezza.

Con l’olfatto riescono a fiutare la molecola Covid

I protagonisti, tra i primi cani addestrati, sono stati "Punish", un pastore belga di 6 anni, e due pastori olandesi, "Lucy" di 5 e "Max" di un anno e mezzo, che si sono aggirati tra i passeggeri alla loro uscita. Non si tratta di cani antidroga o anti esplosivi ma sono stati preparati, con un addestramento specifico per l’olfatto, a fiutare la molecola Covid, con un possibile impiego operativo, in futuro e se e quando autorizzato dalle Autorità competenti, in luoghi come aeroporti, stazioni, metropolitane, ecc., dando un contributo al tracciamento del virus.

Necessario personale tecnico specializzato

«E' un progetto di Italpol in collaborazione con la "Security Dogs", che addestra i cani, per poter agevolare, in modo più rapido, i servizi di controllo in ambito pubblico, come stazioni, metro, aeroporti - spiega il Direttore Operativo di Italpol, Antonio Del Greco - dove il cane riesce a scovare le molecole Covid ed individua nelle file, ad esempio, le persone che danno un elemento di sospetto sanitario. E’ ovvio che poi c'è bisogno di personale tecnico specializzato per comprovare o meno, con il tampone, la positività. Stiamo testando i primi cani e contiamo di prepararne il più possibile. I pastori belga ed olandese stanno mostrando una sensibilità specifica per questo tipo di attività».

In Italia non esistono ancora dei protocolli

«Sono cani in grado di rispondere anche alle esigenze dell’emergenza da pandemia - sottolinea Massimiliano Macera, amministratore «Security Dogs» - Studi internazionali stanno dimostrando che sono in grado di discriminare il Covid. Sono selezionati per una discriminazione olfattiva come ricerca ed in 6-8 settimane è possibile portare a casa un buon risultato. Ci rifacciamo ad esperienze e studi cominciati, durante la pandemia, a luglio. Il nostro approccio è molto rigoroso e scientifico: in Italia non esistono ancora dei protocolli e tutto ciò è ancora nell’ambito della sperimentazione. Per un possibile impiego aspettiamo di confrontarci con tutti gli esperti del settore e della medicina».

© Riproduzione riservata

PERSONE: ,

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook