Venerdì, 05 Marzo 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Centri estetici aperti in zona rossa, il Tar annulla Dpcm: "Illegittimo e discriminatorio"
CONFESTETICA

Centri estetici aperti in zona rossa, il Tar annulla Dpcm: "Illegittimo e discriminatorio"

Sono luoghi sicuri, lo ribadisce la sentenza, citando anche le linee guida stabilite da INAIL e dal CTS lo scorso 13 maggio nelle quali si stabiliva che “l’estetista lavora in ambienti generalmente singoli e separati (cabine) e le prestazioni tipiche comprendono già misure di prevenzione del rischio da agenti biologici alle quali ci si deve attenere rigorosamente nello svolgimento della normale attività professionale”

"La Presidenza del Consiglio (Conte 2), tramite l’Avvocatura dello Stato, non ha saputo giustificare l’arbitrio, l’eccesso di potere, la discriminazione, l’irrazionalità, l’illogicità e l’illegittimità dei DPCM che hanno disposto la chiusura dei centri estetici sin dal 03/11/2020 nelle zone rosse senza alcuna motivazione".

L’associazione di categoria maggiormente rappresentativa, Confestetica, "ha segnalato la discriminazione con infinite pec alla Presidenza del Consiglio (Conte 2) senza però aver mai avuto la benché minima risposta". Così il 31 dicembre 2020 l’associazione ha presentato ricorso al TAR, tramite i propri legali Avv. Maria Camporesi del foro di Rimini e Avv. Ugo de Luca di Roma e a distanza di appena 46 giorni, ha vinto la causa, segno che in questo caso la giustizia funziona.

Infatti, fa sapere Confestetica, "la sentenza di merito n. 01862/2021 del 16 febbraio 2021 dichiara nullo il DPCM in vigore nella parte in cui discrimina i centri estetici e le estetiste. I centri estetici sono luoghi sicuri, lo ribadisce la sentenza, citando anche le linee guida stabilite da INAIL e dal CTS lo scorso 13 maggio nelle quali, di contro alle scelte poi attuate nei DPCM, si stabiliva che 'l’estetista lavora in ambienti generalmente singoli e separati (cabine) e le prestazioni tipiche comprendono già misure di prevenzione del rischio da agenti biologici alle quali ci si deve attenere rigorosamente nello svolgimento della normale attività professionale' ".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook