Mercoledì, 22 Settembre 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Messina, sindacati sempre più spaccati sull’ipotesi Irccs Policlinico

Messina, sindacati sempre più spaccati sull’ipotesi Irccs Policlinico

di
Il primo confronto con l’azienda sanitaria non ha convinto Cgil, Uil e Fgu-Gilda. Il fronte del no: «Nessun documento. I 20 milioni? Dubitiamo». Flp e Snals: «Sarebbe invece uno straordinario riconoscimento»
Sicilia, Cronaca
Il Policlinico di Messina

Se questo è l’inizio, si preannuncia tutto in salita, almeno dal punto di vista sindacale, il percorso che potrebbe portare alla costituzione dell’Irccs al Policlinico di Messina. Un iter appena iniziato e che, in questa fase, è allo studio del ministero della Salute, dopo il placet della Regione Siciliana.
Dopo averlo invocato più volte, i sindacati hanno ottenuto un primo confronto con il commissario straordinario del Policlinico, Giampiero Bonaccorsi. E l’incontro, avvenuto lunedì, ha confermato la profonda spaccatura emersa già nelle scorse settimane. Un fronte del no, rappresentato da Cgil, Uil e Fgu-Gilda, e un fronte del sì, di cui si fanno portavoce Flp e Snals-Confsal.
«Il fatto che nessuna documentazione relativa al processo avviato sia stata consegnata – attaccano Franco Di Renzo (Flc Cgil), Angelo Alessandrino (Uil Rua) e Paolo Todaro (Fgu-Gilda) – rappresenta un fatto gravissimo e non rispettoso di una corretta informazione sindacale». Le tre sigle ribadiscono la loro «assoluta contrarietà alla trasformazione del Policlinico in Irccs» e la madre di tutte le ragioni è che si tratterebbe di «un declassamento funzionale e istituzionale del Policlinico universitario che, per propria natura, assolve a funzioni inscindibili e multidisciplinari riguardanti la didattica, la ricerca e l’assistenza». Prerogative giudicate «incompatibili con quanto la legge prevede per gli Irccs, istituti mono disciplinari e privi della funzione della didattica».

Scongiurato il rischio di privatizzazione? «Nessuna documentazione è stata ad oggi consegnata, a cominciare dalla proposta di testo statutario», è la risposta carica di scetticismo di Cgil, Uil e Fgu, scetticismo mostrato anche di fronte all’ipotesi, prospettata alla Gazzetta, nei giorni scorsi, anche dal rettore Salvatore Cuzzocrea, che al Policlinico arriverebbero 20 milioni di euro l’anno in più: «L’Irccs San Raffaele di Milano ottiene 13 milioni ed è al primo posto come finanziamento complessivo», mentre la Fondazione Policlinico Gemelli di Roma si ferma a 639 mila euro. «Sarebbe forse più opportuno – concludono – parlare di come risanare il buco di 65 milioni comunicato dall’azienda a fine 2020 o del mancato rinnovo del collegio sindacale».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook