Sabato, 25 Settembre 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Rinviato a settimana prossima decreto Green pass su scuole e trasporti. Prima la giustizia
CORONAVIRUS

Rinviato a settimana prossima decreto Green pass su scuole e trasporti. Prima la giustizia

Il presidente del Consiglio Mario Draghi è ancora orientato, riferiscono fonti della maggioranza, a introdurre l’obbligo vaccinale per i professori in modo da permettere il ritorno in classe in sicurezza ma ha deciso di prendersi ancora del tempo prima di stringere sul dossier. E così il decreto legge sulla scuola, e anche sui trasporti, sarà sul tavolo del Consiglio dei ministri della prossima settimana. Non si esclude alcuna ipotesi, anche se il segretario della Lega Salvini ha ribadito la propria contrarietà ad un’eventuale stretta per il personale scolastico. «Le libertà per me sono sacre, invito tutti coloro che rischiano la vita a vaccinarsi, perché in quel caso il vaccino salva la vita. Ma nessuno mi convincerà mai che obbligare a vaccinare i bimbi di 12 anni sia una scelta utile», ha spiegato ai giornalisti al termine di un incontro con il premier. Al centro dell’incontro - definito da palazzo Chigi «proficuo e cordiale» - i temi collegati alla campagna vaccinale, al Green Pass e alle misure di contrasto al Covid-19.
Il segretario del partito di via Bellerio - al Capo dell’esecutivo ha avanzato alcune proposte in merito - ritiene che non ci sia necessità di ulteriori provvedimenti sull'estensione del green pass: «Se la situazione si complica bisogna correre ai ripari, ma complicare la vita a 30 milioni di italiani e milioni di operatori economici, a mamme e papà di ragazzi di 12, 13, 14 anni francamente no», ha affermato. Al momento per il governo è prioritario chiudere la discussione sulla riforma del processo penale, da qui il rinvio del dl. Il ministro della Giustizia Cartabia ha incontrato questa mattina i rappresentanti della maggioranza. Un vertice "tecnico", viene riferito, che non ha affrontato i principali nodi sul tavolo, a partire dall’ipotesi di allargare lo stop all’improcedibilità sui reati legati alla mafia.
Il presidente in pectore del Movimento 5 stelle, Conte, insiste: «La nostra non è una battaglia del Movimento ma per gli italiani». E avanza ulteriori dubbi. La delega al Parlamento sull'individuazione dei reati da perseguire prioritariamente è «una norma critica». «Per carità - osserva l’ex presidente del Consiglio dopo un incontro alla Camera con i parlamentari M5s - in altri ordinamenti indirizzi del genere sono previsti, ma quando lo caliamo nel nostro, conosciamo, come dire, i rapporti difficili del passato tra politica e magistratura». Per l’ex premier quindi «è bene lasciare e realizzare appieno il principio costituzionale dell’obbligatorietà dell’azione penale», tenendo conto che «gli interventi del Parlamento possono essere molto, molto delicati». «Noi - replica Salvini - accettiamo le proposte di Draghi, non del M5s. Noi il testo l’avremmo già approvato una volta uscito dal Cdm». «Penso che il Consiglio dei Ministri ha votato all’unanimità un testo. Colpi di coda successivi sono mirati a destabilizzare», taglia corto il presidente della Conferenza delle Regioni Fedriga.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook