Giovedì, 26 Maggio 2022
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Reggio, sempre più casi d’intolleranza. E non è colpa solo del lockdown
BULLISMO

Reggio, sempre più casi d’intolleranza. E non è colpa solo del lockdown

di
Arcigay presenta i risultati del progetto “No Bullying”. Calabrò: risposte alle numerose richieste di aiuto

Si è concluso il progetto “No Bullying” finanziato dal Miur e promosso dal GayCenter di Roma, con la cooperazione di Arcigay nazionale per contrastare le discriminazioni e favorire una reale cultura delle differenze viste come arricchimento nei contesti giovanili. Si è trattato di una iniziativa sviluppata su sedici territori in ambito nazionale nel lungo inverno tarato dalla pandemia.
Durante incontri digitali, seminari di approfondimento, dibattiti aperti si sono trattati i temi legati all’uso delle parole, al modo di riconoscere le fake news e a come dialogare in modo costruttivo su opinioni diverse relativamente a temi divisivi come il Ddl Zan o i rapporti fra i sessi. I risultati di questo lavoro sono stati presentati a Palazzo San Giorgio dalla presidente del comitato Arcigay “I due Mari Rc” Michela Calabrò: «È stato un progetto particolarmente significativo per i giovani e le giovani non solo della nostra città ma di tutti i territori che abbiamo potuto raggiungere grazie ai collegamenti digitali».

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Reggio

 

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook