Giovedì, 21 Ottobre 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Muore dopo il parto a Savona: grave il neonato. Anche il Milan prega per lui
IL TWEET

Muore dopo il parto a Savona: grave il neonato. Anche il Milan prega per lui

La ragazza di 27 anni, Marika Galizia, è deceduta dopo alcune complicanze nonostante una gravidanza nella norma. Il bimbo ora si trova al Gaslini in condizioni critiche

«Una donna, una mamma, una passione per il calcio: ci stringiamo attorno alla famiglia di Marika Galizia e preghiamo per il suo bambino»: è il messaggio di cordoglio pubblicato dal Milan sul proprio profilo Twitter.
Marika Galizia è la ragazza di 27 anni morta dopo il parto nel reparto di rianimazione dell’ospedale San Paolo di Savona, arbitro di calcio della sezione di Albenga. Il figlio è ricoverato in gravi condizioni al Gaslini di Genova.

Solo un’autopsia che sarà eseguita venerdì potrà chiarire le cause del decesso della giovane. Dalle prime informazioni fornite dalla Asl savonese, la mamma era arrivata in ospedale per il parto «al termine di una gravidanza nella norma, in salute e con tutti gli esami di routine regolari». Poi l’improvviso aggravarsi dello stato di salute della paziente durante il decorso del parto, dopo il quale è stato disposto il trasferimento in rianimazione e non ce l’ha fatta dopo aver messo al mondo un bimbo, un maschietto, che adesso lotta tra la vita e la morte.
Il piccolo appena nato sta malissimo: è in asfissia perinatale, che vuol dire che c'è assenza di attività cardiaca e respiratoria. Il piccolo è stato trasferito all’ospedale pediatrico Gaslini grazie al Sistema di Trasporto di Emergenza Neonatale attivato immediatamente dai sanitari alla nascita. Le sue condizioni sono critiche tanto che gli specialisti del Gaslini hanno deciso di ricoverarlo nel reparto Patologia Neonatale, intubarlo e sostenerlo con un ventilatore meccanico.

Mentre l'Asl2 ha avviato l’audit interno, il governatore della Liguria, Giovanni Toti, ha inviato al San Paolo gli ispettori perché controllino le cartelle cliniche, i report, perché ascoltino i colleghi. Si è mossa anche la procura con il sostituto procuratore Chiara Venturi, che ha aperto un fascicolo e incaricato l'anatomopatologa Francesca Frigiolini di fare l’autopsia sul corpo di Marika.
La 27enne era figlia di un assistente capo della Questura di Savona aggregato alla Polfer di Albenga ed era molto conosciuta a Ceriale e anche a Andora, dove viveva. Era anche una sportiva da anni: era arbitro di calcio e associata alla sezione di Albenga dell’Aia, l’associazione Italiana Arbitri. E sul sito dell’Aia è comparso il fiocco nero perchè «in lutto per la scomparsa della giovanissima Marika Galizia, 27 anni, della Sezione di Albenga. Una notizia che ha sconvolto tutti i colleghi e verso la quale non ci sono parole».

© Riproduzione riservata

TAG: , ,

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook