Martedì, 31 Gennaio 2023
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Variante Deltacron, a Cipro 25 casi della nuova combinazione di Delta e Omicron
CORONAVIRUS

Variante Deltacron, a Cipro 25 casi della nuova combinazione di Delta e Omicron

Covid, a Cipro 25 casi della variante Deltacron: combinazione di Delta e Omicron

Una nuova variante del coronavirus soprannominata "Deltacron" è stata scoperta a Cipro, secondo quanto riportato dai media locali sabato. La variante ha un background genetico simile alla variante Delta, così come alcune delle mutazioni di Omicron, ha spiegato il dottor Leondios Kostrikis, capo del laboratorio di biotecnologia e virologia molecolare presso l’Università di Cipro, secondo il Cyprus Mail. In totale, 10 delle mutazioni di Omicron sono state trovate nei 25 campioni prelevati a Cipro. 11 dei campioni provenivano da persone ricoverate in ospedale a causa del virus, mentre 14 provenivano dalla popolazione generale. Kostrikis ha teorizzato che il fatto che la frequenza della mutazione tra i pazienti ospedalizzati fosse maggiore potrebbe indicare una correlazione tra la nuova variante e i ricoveri. Sabato il ministro della Sanità cipriota Michalis Hadjipandelas ha dichiarato che la nuova variante non era qualcosa di cui preoccuparsi al momento ed ha espresso orgoglio per gli scienziati del paese per aver scoperto la nuova variante. "La ricerca rivoluzionaria e le scoperte del team del dottor Kostrikis ci rendono orgogliosi dei nostri scienziati poiché questa ricerca pone Cipro sulla mappa internazionale quando si tratta di questioni sanitarie", ha affermato Hadjipandelas, secondo il Cyprus Mail.

Il ministero della Salute di Cipro prevede di annunciare ulteriori informazioni sulla nuova variante in una conferenza stampa all’inizio della settimana. Il nome scientifico della nuova variante non è stato ancora annunciato. L’annuncio della nuova variante arriva appena una settimana dopo la scoperta in Francia di una nuova variante di coronavirus, B.1.640.2. Gli esperti hanno affermato che non sembra essere motivo di preoccupazione.

La nuova variante è stata chiamata Deltacron a causa dell’identificazione di firme genetiche simili a  Delta Omicron (e da qui Delta + Cron) all’interno dei genomi, ha spiegato. Kostrikis e il suo team, riporta Bloomberg.

La variante Deltacron "figlia" della coesistenza di Delta e Omicron

Nel dicembre 2021, Paul Burton, dirigente medico di Moderna, ha dichiarato alla Camera dei Comuni britannica che la coesistenza di delta e omicron ha aumentato le possibilità di una nuova variante a causa dello scambio di geni, secondo quanto riportato dal Daily Mail . Tale ricombinazione è comune nei coronavirus, secondo il New York Times. Diversi studi hanno suggerito che la ricombinazione potrebbe causare il cambiamento del virus in "modi pericolosi", ma potrebbe aiutare i ricercatori a sviluppare farmaci per curare il virus, ha riferito il Times .

Che cos'è "Delmicron"?

Anche il termine "Delmicron" viene utilizzato da alcune  settimane da diversi scienziati per indicare  una combinazione delle varianti Delta e Omicron. "Delmicron, dalle proteine spike gemelle di Delta e Omicron, in Europa e negli Stati Uniti ha portato a un mini tsunami di casi", ha affermato il dottor Shashank Joshi dal popolare quotidiano indiano The Times Of India.

"Delmicron" è una nuova variante?

No, "Delmicron" non è una nuova variante o mutazione. Come citato da Times Of India, il medico ha affermato che "Delmicron" è una combinazione delle proteine spike di Delta e Omicron.

Delta e Omicron possono combinarsi?

I primi dati sulla variante Omicron suggeriscono che può essere più resistente ai vaccini ed è più trasmissibile rispetto alla variante Delta. I paesi di tutto il mondo hanno iniziato a sconsigliare i viaggi all'estero. Di recente, Paul Burton, chief medical officer di Moderna, ha affermato che è "certamente" possibile che Omicron e Delta possano collaborare e creare un ceppo più pericoloso. La sua osservazione è arrivata questa settimana durante un discorso alla commissione per la scienza e la tecnologia del parlamento britannico. Un esperto ha affermato che è possibile che Delta e Omicron possano scambiare geni e innescare una variante, che sarebbe ancora più letale. Questi eventi sono scientificamente chiamati "eventi di ricombinazione".

 

In Francia il caso della variante Ihu

Un vivace dibattito si è acceso dopo che una nuova variante di coronavirus è stata identificata nel sud della Francia e definita «camerunese» da alcuni media. Il presunto paziente zero avrebbe soggiornato in Camerun prima di tornare in Francia. La squadra di ricercatori dell’Ihu Marseille Mèditerannèe ha provvisoriamente battezzato la variante B.1.640.2,  ma la stampa online si è affrettata a definirla «variante camerunese» (ma c'è chi preferisce definirla "variante Ihu").
Secondo alcuni esperti, questa variante potrebbe non essere molto preoccupante e non sembrerebbe per il momento diffondersi con vigore. Pronta la reazione del ministro della Sanità di Yaoundè, Malachie Manaouda, che non vuole vedere associato il suo Paese a pericoli sanitari a pochi giorni della Coppa d’Africa delle nazioni (Can) di calcio, nè subire la discriminazione dei Paesi dell’Africa australe con il caso della variante «sudafricana». Il ministro ha precisato che a questo punto, siamo ancora di fronte a una presentazione di dati scientifici non convalidati. Precisa inoltre che non esiste correlazione accertata tra il viaggio del paziente zero e la sua infezione. Non è stata nemmeno presentata una sequenza cronologica dei diversi casi d’infezione, ha detto Manaouda in un comunicato, nel quale tiene a rassicurare l’opinione pubblica.
In Camerun al momento, ha detto, sono noti solo mille casi attivi, 1115 pazienti ricoverati e 27 persone con ossigeno. Il tasso di guarigione è del 97 per cento.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook