Domenica, 29 Maggio 2022
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Covid, la variante Omicron 2 in nove regioni italiane. Cosa sappiamo
CORONAVIRUS

Covid, la variante Omicron 2 in nove regioni italiane. Cosa sappiamo

La variante (o sottovariante) di Omicron Ba.2, ribattezzata Omicron 2, è in 9 Regioni ed è pari all'1% delle sequenze classificate come Omicron. E' stata segnalata in Campania, Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Liguria, Lombardia, Piemonte, Sicilia e Toscana. Lo evidenzia l’indagine rapida condotta dall'Iss e dal ministero della Salute insieme ai laboratori regionali e alla Fondazione Bruno Kessler.

grazie alla segnalazione del Laboratorio di Igiene del Policlinico san Martino di Genova diretto dal professor Icardi, è stata sequenziata, per la prima volta in Italia, la variante Omicron 2. Due i casi accertati, uno dopo il sequenziamento di routine al San Martino, il secondo invece è emerso dal sequenziamento di un campione derivante dal monitoraggio nazionale, che coinvolge il nostro Laboratorio.

Le prime segnalazioni della "sorella" della variante Omicron, indicata con la sigla BA.2, risalgono a metà dicembre in India, dove la variante del SarsCoV2 è diventata rapidamente dominante, e in seguito si è diffusa nelle Filippine, Singapore e Giappone. Nello stesso periodo è stata rilevata anche in Sud Africa e ha raggiunto l’Europa, dove le sequenze sono state identificate in alcuni Paesi scandinavi, fra i quali la Danimarca, in Gran Bretagna e in Germania.

L’Italia è entrata adesso fra i Paesi nei quali la BA.2 è presente. La variante appartiene allo stesso ceppo della Omicron che conosciamo da tempo, ossia il B.1.1.529, ma si distingue per alcune mutazioni sulla proteina Spike, l’artiglio con il quale il virus aggancia le cellule. Per questo motivo, per distinguerla dalla prima versione della Omicron, è stata chiamata BA.2.

Rezza: Omicron 2 non ha caratteristiche molto diverse dalla 1

«La variante Omicron è ormai largamente predominante in più del 95% dei casi, in alcuni casi è stata rilevata la variante Omicron 2 ma non è molto diversa nelle caratteristiche da Omicron 1». Lo ha detto il direttore generale della prevenzione del ministero della Salute commentando i dati del monitoraggio di oggi.

La variante Omicron 2 più contagiosa ma non più aggressiva

Secondo i dati raccolti finora in Gran Bretagna e in Danimarca, dove si sta diffondendo, Omicron 2 sarebbe più contagiosa ma non più aggressiva. In realtà, come chiarisce il virologo Matteo Bassetti sui social, si tratta di una "sottovariante di Omicron, BA.2". Calcoli preliminari "indicano che Omicron 2 è una volta e mezza più contagioso di Omicron", prosegue, spiegando che se ne sta ancora seguendo lo sviluppo. "Se è più contagiosa - prosegue Bassetti - potrebbe significare che l'ondata di infezioni sarà maggiore e si estenderà ulteriormente fino a febbraio rispetto alle proiezioni precedenti".

Il virologo rassicura: "Quello che però sembra certo è che non aumentano i ricoveri per forme gravi. Quindi Omicron 2 morde meno, soprattutto nei vaccinati, come del resto Omicron".

Intanto, secondo i risultati dell'indagine rapida condotta dall'Iss e dal Ministero della Salute, al 17 gennaio in Italia la variante Omicron era predominante, con una prevalenza stimata al 95,8%, con una variabilità regionale tra l'83,3% e il 100%, mentre la Delta era al 4,2% del campione esaminato.

In Danimarca in una settimana i casi di Omicron 2 si sono raddoppiati, ma si sono dimezzati i ricoveri. "UK ha pubblicato i dati sull’efficacia dei vaccini nei confronti di Omicron 1 e 2", scrive Bassetti. "Come avevo già detto per primo le tre dosi di vaccino funzionano su entrambe le varianti, addirittura meglio su Omicron 2. Acceleriamo anche noi il ritorno alla normalità".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook