Sabato, 28 Maggio 2022
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Si ribella al matrimonio combinato, indagati i genitori. Le imponevano il velo e niente tv
ROMA

Si ribella al matrimonio combinato, indagati i genitori. Le imponevano il velo e niente tv

«Divieto assoluto di avvicinamento». E' quanto disposto dal gip di Roma per i genitori della ragazza di 14 anni del Bangladesh che nel novembre scorso si è recata dai carabinieri di Ostia, a Roma, per denunciare le continue vessazioni, sia fisiche che psicologiche, che i familiari le imponevano da anni per farle rispettare le regole della religione islamica.

I genitori della minorenne, lui di 44 anni e lei 40enne, sono finiti nel registro degli indagati della Procura per i reati di maltrattamenti in famiglia e tentata induzione o costrizione al matrimonio. L’attività di indagine svolta in queste settimane ha confermato il quadro di accuse mosse dalla ragazzina e del clima di violenza in cui era costretta a vivere tra le mura di casa. Nella denuncia la ragazzina, che da due mesi si trova in una struttura protetta, ha raccontato il suo dramma quotidiano fatto di minacce e botte anche perché si rifiutava di indossare il velo.

I familiari controllavano le sue conversazioni telefoniche, le vietavano l’utilizzo della televisione e le impedivano di frequentare i suoi coetanei fuori dalla scuola, picchiandola ad ogni suo rifiuto. Un modus operandi vessatorio che era condiviso dal padre, il quale si dimostrava omissivo e connivente e voleva che la figlia si sposasse anziché continuare a studiare, pur sapendo che il suo sogno era quello di diventare chirurgo. Una situazione che la giovane aveva confidato anche ad alcune sue compagne di classe tanto che quando ha deciso di sporgere denuncia al suo fianco, nella stazione dei carabinieri, era presente anche una sua insegnante. La ragazza ha accusato la madre e il fratello di averla aggredita in diverse occasioni e anche minacciata di riportarla in Bangladesh.

A novembre l’ennesima lite, degenerata in violenza: il fratello 17enne l’ha strattonata con forza facendola sbattere con la testa contro un mobile dell’appartamento. Una aggressione fisica avvenuta dopo che la ragazzina aveva ricevuto una telefonata dalla madre e dalla sorella maggiore, che si trovavano in Bangladesh, che le avevano annunciato di avere acquistato un burka per lei e che stavano tornando per prenderla e portarla nel paese di origine per darla in sposa ad un connazionale. Dopo questo episodio, temendo che la madre una volta tornata in Italia la portasse effettivamente in Bangladesh per farla sposare, è scappata di casa per andare dai carabinieri e cercare la libertà negata.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook