Venerdì, 19 Agosto 2022
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Allo Spallanzani primo paziente curato con pillola anti covid
APRIPISTA

Allo Spallanzani primo paziente curato con pillola anti covid

Lo Spallanzani fa da apripista anche nella terapia con la pillola anti-covid di Pfizer. E' all’Istituto nazionale per le malattie infettive, infatti, il primo paziente in Italia curato con la pillola antivirale Paxlovid. Si tratta di un uomo di 54 anni, con malattia cardiovascolare e Covid-19, sintomatico da tre giorni. Il farmaco Paxlovid è composto da un antivirale, il Nirmatrelvir, da un farmaco potenziante, il Ritonavir. La cura è composta da tre compresse la mattina e tre la sera, per cinque giorni.

Ad annunciare l’arrivo del medicinale allo Spallanzani è stato l’assessore alla Sanità della Regione Lazio, Alessio D’Amato sottolineando che «bisogna concentrare l’attenzione sulla fascia di età 40-49 anni, ovvero quella più numerosa per i non vaccinatì». «Il contrasto al Covid ci ha insegnato che il fattore tempo è essenziale, bene ha fatto l’Istituto Spallanzani a partire subito con i reclutamenti per la somministrazione del nuovo antivirale Paxlovid, un’arma in più che non sostituisce il vaccino. Nella giornata di domani si partirà anche negli altri centri regionali. Il Lazio è tra le Regioni che hanno le migliori performance nella copertura vaccinale, nella somministrazione degli anticorpi monoclonali e degli antivirali», aggiunge l’assessore.

Sul fronte della campagna di vaccinazione l’assessore ha ricordato che sono stati «superati i 12,8 milioni di vaccini complessivi, superate le 3,6 milioni di dosi booster effettuate, superato il 75% di copertura con dosi booster della popolazione adulta. Nella fascia pediatrica 5-11 anni sono oltre 130 mila i bambini con prima dose».

Quanto all’andamento dell’epidemia, nel Lazio «continua il trend in discesa dei casi su base settimanale. Oggi su un totale di 107.420 tamponi - ha spiegato - si registrano 11.715 nuovi casi positivi (+103) il dato comprende un recupero di 1.169 notifiche in ritardo a Latina, sono 41 i decessi (+15) il dato comprende un recupero di notifiche, 2.077 i ricoverati (-27), 196 le terapie intensive (+4) e +14.605 i guariti. Il rapporto tra positivi e tamponi è al 10,9%. i casi a Roma città sono a quota 4.931».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook