Mercoledì, 08 Febbraio 2023
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Fincantieri vara la MSC Explora I con la prima comandante donna di una grande nave

Fincantieri vara la MSC Explora I con la prima comandante donna di una grande nave

Il volto è rotondo e dolce e il timbro di voce pacato: nulla nel suo aspetto tradisce la determinazione e la tenacia del carattere, temprato dalla naturale asperità del mare. Invece, ha dovuto pazientare e lottare «per 31 anni per arrivare alla cerimonia odierna», nei cantieri navali di Monfalcone (Gorizia) della Fincantieri, grandi come una città. Si aggira con dimestichezza tra uomini grossi che movimentano tonnellate di acciaio, gru più grandi di palazzi e quella immensa nave, la Explora I, in attesa di essere varata e che lei comanderà. Serena Melani è la prima comandante donna italiana di una grande nave. La Msc ha scelto lei da mettere alla guida della prima delle quattro navi della flotta Explora Journey, nuovo brand di lusso del gruppo Msc, che ha investito nell’affaire oltre due miliardi di euro. Melani, livornese, piccola di statura, nella elegante divisa blu con fregi e mostrine che soltanto le persone di mare sanno interpretare, ma dai quali si intuisce un alto grado, è materna: da oggi in poi si coccolerà la Explora fino alla entrata in servizio, alla fine di maggio 2023, al termine della lunga e dettagliata procedura di rifinitura e abbellimento.

«E' un ruolo eccitante seguire questa fase, è come un bambino che viene a nascere». Come accade spesso in altri settori, la Comandante è sposata con una persona che si occupa della sua stessa attività, un uomo di mare: «E' la mia spalla, sempre, in ogni momento», ha concluso, descrivendo un sereno scambio di ruoli familiari. Anche il Generale Claudio Graziano, da poco nominato presidente di Fincantieri, che ha costruito il colosso del mare, plaude alla scelta: «E' una cosa importante ma in generale è una trasformazione che è già avvenuta, quindi è indiscutibile che il ruolo delle donne sia centrale». Le donne «sono addirittura un moltiplicatore di potenza perché portano in aggiunta una parte culturale di sviluppo. E penso che questo sia un simbolo. E’ la prima nave prototipo di un nuovo concetto di cruise comandata da una capitano donna, è un segnale importante per tutti e per tutto il mondo italiano, dell’economia, dello Stato, del privato e del pubblico», ha concluso. Per la seconda volta da quando hanno assunto l’incarico, Graziano e l’a.d., Pierroberto Folgiero, sono apparsi in pubblico, trattenendosi con i giornalisti. Scontata la domanda sul polo della difesa nazionale: «Questi temi societari sono per definizione appannaggio dell’azionista, che sta sviluppando una visione industriale e di lungo periodo», ha detto Folgiero rilanciando la palla nella metà campo politica. «Noi come manager siamo concentrati sullo studio dei vantaggi industriali delle sinergie. A me interessa moltissimo la creazione di valore, se c'è questa, poi c'è anche l’operazione. Noi siamo concentrati sugli aspetti iniziali, sullo studio delle sinergie, dei vantaggi a lungo termine, commerciali, produttivi, occupazionali».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook