Martedì, 31 Gennaio 2023
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Barletta, travolta mentre presta aiuto: Alessia Dicuonzo muore dopo otto mesi di agonia
PUGLIA

Barletta, travolta mentre presta aiuto: Alessia Dicuonzo muore dopo otto mesi di agonia

La 23enne di Barletta Alessia Dicuonzo non ce l’ha fatta. La giovane era rimasta coinvolta nel terribile incidente stradale accaduto alle 23.40 del primo maggio scorso sulla statale 170, che porta da Andria e Barletta. La donna, che faceva la ballerina professionista e insegnava danze caraibiche, è morta tre giorni fa nell’hospice «Don Uva» di Bisceglie dove era arrivata in coma vegetativo. La procura di Trani ha disposto l’autopsia sul corpo della vittima e l’incarico sarà conferito lunedì prossimo. Sono due le persone iscritte nel registro degli indagati: si tratta di una 23enne andriese che guidava l’auto, che avrebbe travolto quella su cui viaggiava la vittima, e un 33enne di Barletta che era stato soccorso dopo un incidente. Le ipotesi di reato sono omicidio stradale con l’aggravante della guida in stato di ebbrezza e lesioni gravi.

Secondo quanto hanno accertato gli agenti della polizia stradale, l’Audi A4 guidata da un 41enne di Canosa, che viaggiava in direzione Barletta con a bordo Alessia, si è fermata sulla statale per prestare soccorso al 33enne di Barletta che andava nella stessa direzione e che perdendo il controllo della sua Volkswagen Fox era finito prima contro il guardrail poi al centro strada. Su di loro sarebbe piombata una utilitaria - guidata dalla 23enne andriese - che li ha tamponati con estrema violenza. In tutto sono stati registrati 12 feriti, trasportati negli ospedali della zona. Alcuni erano in condizioni molto gravi e in prognosi riservata, tra cui Alessia che ha riportato un trauma cranio-encefalico e una emorragia cerebrale. Trasportata all’ospedale «Bonomo» di Andria è rimasta ricoverata nel reparto di rianimazione dal 2 maggio al 27 luglio 2022. I medici sono riusciti a stabilizzarla, sottoponendola a un delicato intervento neurochirurgico di craniectomia decompressiva, ma la 23enne non si è più risvegliata dal coma, rimanendo in stato vegetativo permanente.

Il 27 luglio la ragazza è stata portata prima nel presidio ospedaliero di riabilitazione «Fondazione San Raffaele» di Ceglie Messapica (Br) poi all’hospice di Bisceglie dove è morta. I familiari della giovane, assistiti dallo Studio3A-Valore Spa, chiedono giustizia. La società metterà a disposizione come consulente tecnico di parte per le operazioni peritali autoptiche il medico legale Aldo Di Fazio e ha già indicato Pietro Pallotti nel caso in cui la procura ritenga di disporre anche una consulenza cinematica per fare piena luce sulla sua dinamica, le cause e le responsabilità dell’accaduto.

 

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook