Questo sito contribuisce all’audience di Quotidiano Nazionale

Tacconi sta meglio, il figlio Andrea: "Vuole sapere se ridanno i 15 punti alla Juve"

Stefano Tacconi

"E' stato un lungo percorso ad Alessandria, dove hanno salvato la vita a papà. Da oggi questo percorso continuerà in Lombardia, ma non dimenticheremo mai tutto quello che hanno fatto per mio padre e il supporto che hanno dato anche a noi".

Così Andrea Tacconi, sui social, comunica e informa sulle condizioni di papà Stefano. L'ex portiere di nazionale e Juventus ha lasciato - a quasi un anno dal malore avuto ad Asti (aprile 2022), l'Azienda ospedaliera alessandrina per terminare l'ultima fase riabilitativa in un'altra struttura più vicina a casa. Era stato trasferito ad Alessandria a seguito di un'emorragia cerebrale da rottura di aneurisma. "La strada è ancora lunga, ma come ho sempre fatto vi terrò informati", assicura Andrea Tacconi. Solo qualche giorno fa, ancora al Centro Borsalino, Tacconi è stato ritratto in una foto, sempre dal figlio Andrea, mentre era impegnato ad autografare alcuni copie del libro 'Stefano Tacconi Junic'.

"Siamo venuti qui da un'altra regione e ora il Centro Borsalino ci è entrato nel cuore e nell'anima. Grazie a tutto lo staff dell'Azienda Ospedaliera, a quello del Borsalino e specialmente alla fisioterapista Laura che ci ha seguiti dal primo all'ultimo giorno. Ora, in pieno accordo con i professionisti del presidio - aggiunge la famiglia - proseguiremo il percorso riabilitativo in una struttura più vicina a casa, ma non dimenticheremo mai Alessandria e le splendide persone che ci hanno accompagnato in questo anno".

"Il percorso di Stefano Tacconi è stato sorprendente, con un progressivo miglioramento dal punto di vista motorio, respiratorio, cognitivo, grazie alla collaborazione di tutto il team". A spiegarlo è Luca Perrero, direttore Neuroriabilitazione, dopo le dimissioni in questi giorni dal Centro Borsalino di Alessandria.

"Sicuramente, tenacia, impegno, umore, notevole prestanza fisica - ha aggiunto - hanno facilitato il recupero che, in questi mesi, ha visto un lavoro costante su tutti i piani, utilizzando le palestre e i laboratori della struttura, dove ha espresso capacità e interessi, come quello per la cucina, presenti nella sua vita quotidiana precedente all'episodio traumatico". Dopo essere stato operato dall'equipe di Andrea Barbanera (direttore Neurochirurgia), con il supporto del neuroradiologo Ivan Gallesio, è stato ricoverato a lungo al Civile - prima in Rianimazione e poi nel reparto di degenza - per entrare, quindi, al Borsalino. All'arrivo nella struttura respirava tramite tracheostomia e con il supporto ventilatorio, oltre a essere nutrito e idratato in maniera enterale. Ora mangia di tutto in modo autonomo, fanno sapere i sanitari.

"Durante il recupero - prosegue Perrero - Tacconi ha riacquistato anche ironia e autoironia; raccontava aneddoti legati alla carriera; leggeva quotidiani sportivi; ha guardato i Mondiali di calcio alla televisione, con commenti e battute insieme all'equipe e agli altri degenti". Un recupero, il suo, raggiunto anche grazie alla costante presenza e alla collaborazione attiva della famiglia. "Ci hanno aiutati a capire chi era Stefano e come andava preso in carico per un corretto trattamento personalizzato. In particolare, la moglie Laura e il figlio Andrea sono entrati indirettamente a far parte del team". Stefano Tacconi, si era sentito male nell'aprile scorso ad Asti, dove si trovava con il figlio Andrea per un evento benefico; trasportato al 'Cardinal Massaia', dove era stata riscontrata un'emorragia cerebrale, è stato quasi subito trasferito ad Alessandria.

Andrea Tacconi alla Gazzetta dello Sport: "Papà mi chiede spesso. Andrea ci ridanno i 15 punti?"

Nelle scorse ore proprio il figlio di Stefano Tacconi ha realizzato un'intervista a La Gazzetta dello Sport in cui ha parlato delle condizioni del padre: “Nell’ultimo periodo è migliorato molto. Non cammina ancora benissimo, si aiuta con il deambulatore. Si stanca parecchio, ma quando si abbatte gli faccio io da motivatore. […] Un po’ di cose gliele faccio vedere io sul telefonino. Papà mi chiede aggiornamenti tutti i giorni".

Impossibile non toccare l'argomento calcistico e le vicende che riguardano la Juventus: "L’ultima volta abbiamo parlato del derby d’Italia. Gli ho detto che avevamo battuto l’Inter con gol di Kostic. […] La domanda che mi fa più spesso è: ‘Andrea, ci ridanno i 15 punti?' Io sogno di riportarlo allo stadio a vedere la Juve dal vivo".

 

 

Caricamento commenti

Commenta la notizia