Martedì, 26 Ottobre 2021
stampa
Dimensione testo

Cultura

Home Cultura Barbra Streisand "debutta" a Brooklyn
AL VIA LA TOURNÉE

Barbra Streisand
"debutta" a Brooklyn

barbra streisand, brooklyn, concerto, Sicilia, Cultura
Barbra Streisand
'O sole mio' con i giovanissimi tenori italiani di Il Volo, il trio nato su Ti lascio una canzone di Rai1 che ha conquistato l'America: c'é stato anche questo nel 'Come eravamo' di Barbra Streisand, tornata nella 'sua' Brooklyn per il concerto che ha inaugurato la tournee di una diva settantenne che dimostra l'energia di quando era ragazzina.
Per la Streisand è stato un vero e proprio debutto: pur essendoci nata, a Brooklyn Barbra non si era mai esibita.

"L'ultima volta che ho cantato da sola a Brooklyn è stato sui gradini di qualcuno a Pulaski Street: avevo otto anni", ha esordito la diva prima di intonare 'You'll Never Know', la sua prima canzone, incisa appena 13enne.

"Brooklyn ti tiene coi piedi per terra. Per me significa la yeshiva dove sono andata ragazzina, i Dodgers di baseball, Prospect Park, grandi ristoranti cinesi", ha detto la cantante introducendo un viaggio di tre ore nella nostalgia per 18 mila spettatori ad alta concentrazione di celebrità: dal sindaco Michael Bloombnerg a Sting, alle star della tv Barbara Walters e Katie Couric e Rosie O'Donnell. E ancora: "Hello Brooklyn: ti ho lasciata per inseguire i miei sogni ma tu non mi hai mai abbandonato". Il saluto della regina della musica è stato accolto da ovazioni e dichiarazioni d'amore che lei ha accettato con condiscendenza da sovrana.

Minimalista la scena: una sedia, un tavolo con un vaso di fiori e una tazza "di brodo di pollo" per la star che si è svegliata con il raffreddore. Un pizzico di politica in risposta a domande fatte dal pubblico prima che si alzasse il sipario: la Streisand è democratica convinta e ha attaccato il candidato repubblicano Mitt Romney per la minaccia di tagliare i fondi al canarino gigante Big Bird in onda sulla tv pubblica Pbs. Aiutata da un teleprompter e sostenuta da un'orchestra di 60 strumenti, la voce di Barbra non ha tremato anche se, ha notato il New York Times, gli acuti e i virtuosismi non sono più quelli di una volta. Il tempo passa per tutti, è inevitabile. 'Come eravamo', in omaggio all'amico compositore Martin Hamlisch morto in agosto, é anche uno stato mentale e Barbra, senza timore di confrontarsi con se stessa da giovane, ha ripreso le canzoni che l'hanno resa famosa, da 'People' e 'Evergreen', affiancandole a brani meno noti come 'Lost Inside of You' da 'E' Nata una Stellà. In una conferenza in una libreria di New York alla vigilia del concerto, William Mann, l'autore 'Hello, Gorgeous: Becoming Barbra Streisand' ha detto che la diva è tornata a fare concerti perché sente che deve ancora dimostrare qualcosa.

Nonostante sia isolata da una enorme ricchezza e dalla fama, nonostante non debba più cantare neanche una nota se non vuole, la Streisand torna sul palco perché è ancora una lottatrice a dispetto dell'età.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook