Lunedì, 23 Maggio 2022
stampa
Dimensione testo

Cultura

Home Cultura L'amore non salva, ma fa restare vivi
IL ROMANZO DI MICHELA MARZANO

L'amore non salva, ma fa restare vivi

di
anna mallamo, Einaudi, L'amore che mi resta, Michela Marzano, recensione, Sicilia, Cultura
L'amore non salva, ma fa restare vivi

L’amore è una catena. Una catena bella, di affetti che procedono nel tempo, tra i mondi e le generazioni. La catena delle madri, dei padri, dei figli. Ogni volta che qualcuno scompare è come se quella catena si spezzasse, anche se non è vero. Il lutto è quell’anello mancante, quella smagliatura nella rete, quella pausa in cui sei sospeso nel vuoto e pensi che mai più, mai più potrai trovare il tuo posto, e che non c’è più nulla, se non un “prima” di pienezza e un “dopo” d’insopportabile vuoto. Tanto più se la persona che è sparita dalla tua catena è un figlio. Lutto indicibile, per il quale nemmeno esiste la parola, nella nostra e in molte altre lingue. Eppure la parola è necessaria, perché «serve per mettere in ordine il mondo e diminuire la quantità di sofferenza che c’è negli esseri umani».
La lotta di Daria, la protagonista del romanzo di Michela Marzano – filosofa e scrittrice, docente di Filosofia morale a Parigi e anche deputata, tra gli indipendenti – “L’amore che mi resta” (Einaudi, pp. 235, euro 17,50), è per trovare quella parola, dopo il suicidio dell’amatissima figlia Giada, che ha rotto tutte le catene, tutta la fiducia di Daria nella capacità dell’amore di ordinare il mondo e tenerlo al suo posto. Perché se la morte di un figlio è un dolore, letteralmente, indicibile, il suicidio di un figlio va ancora oltre, col suo carico silenzioso d’accusa e rifiuto per chi resta.
Tutto in prima, straziata persona, il romanzo è un unico, ininterrotto monologo della la madre disperata che parla alla figlia ormai assente: quanti lutti prendono questa forma di dialogo impossibile eppure impossibile da interrompere, dentro di noi? E come possiamo – se possiamo – risorgere da tanta cenere? Il romanzo è una sequela di domande, irte e spiazzanti, che la scrittura sempre nitida e concentrata della Marzano rende acuminate: una scrittura che partecipa del lampo eppure della riflessione, che emoziona e analizza nello stesso tempo.
Daria troverà la sua risposta, formulerà la sua parola, senza che questa possa guarirla: nessuno guarisce davvero, dal dolore, ma nessuno può andare avanti se non scopre la sua personale, unica, intima – eppure universale e collettiva – formula, che in fondo è sempre semplice. E ha a che fare con l’amore, quello che può non riuscire a salvarti, ma è, sempre, tutto quello che ti resta.
Michela Marzano, che lunedì sarà ospite di Taobuk, incontrerà i lettori domani a Messina, al Feltrinelli Point di via Ghibellina, alle ore 18.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook