Domenica, 05 Dicembre 2021
stampa
Dimensione testo

Cultura

Home Cultura «Buonasera, Tiresia sono....»
LA MORTE DI CAMILLERI

«Buonasera, Tiresia sono....»

di
camilleri, morto camilleri, Andrea Camilleri, Sicilia, Cultura
Camilleri nello spettacolo su Tiresia

Ero venuta a vederti, Maestro, a Siracusa, l'11 giugno dell'anno scorso, perché sapevo che sarebbe stata una cosa assoluta, e forse definitiva. Perché oggi, malgrado il tono da profeti di tanti, di veri profeti ce n'è pochi, e valeva la pena di conoscere di pissona pissonalmente Tiresia, il vecchio cieco dalla vista aguzza che solo quella sera per i quattromila e passa del Teatro Greco si sarebbe manifestato in tutta la sua divina umanità.

E tu - vecchio, cieco, fermo sulla poltrona - hai riempito tutto il teatro e il suo spazio sacro esteso nel tempo e tra i mondi. Con la tua voce roca e sgranata da fumatore, il tuo accento saporito, i tuoi vezzi linguistici, dal dialetto alla Crusca, le tue parole alate, ma come le frecce. Perché a te, Maestro Tiresia, è accaduto quello che accade a pochissimi scrittori: trasformarsi, in vita, in stelle polari, bussole, poli magnetici che orientano cuori, menti, ragione.

E non è questione di copie vendute (tante, comunque), o di successo (tantissimo, e uguale dalle Alpi a Lampedusa: praticamente un miracolo, nell'Italia dei campanili e delle leghe). E non è questione di lingua - anche se in tanti ti siamo grati per il tuo camillerese-vigatese in cui specchiare il nostro Sud, un siciliano così attentamente costruito da risultare spontaneo.

«Un flusso», dicevi, e quella sera al Teatro Greco sei stato un aedo moderno che incrociava i flussi, un alchimista della parola che scopriva la pietra filosofale, anzi la pronunciava, lento, ché le parole sono sortilegi e formule, e anche se ci sembra che le usiamo per divagarci, e raccontarci storie - tante storie, scovate dentro la Storia o inventate, che a volte è uguale - sono sempre un tessuto, una trama di verità. E che straordinario atto letterario, estetico e politico è stato, ascoltarle dal vivo dalla tua bocca di profeta, guardandoti negli occhi ciechi, dove ogni cosa era illuminata.

Ecco, abbiamo e avremo sempre i tuoi libri, il tuo esempio, la tua capacità di raccontare la vita e non curarti della morte buttanissima. Ma quella luce speciale, quella nel buio, quella ci mancherà.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook