Domenica, 29 Novembre 2020
stampa
Dimensione testo

Cultura

Home Cultura Il mondo che ci cammina addosso, il capogiro narrativo dell'ultimo romanzo di Ciriello
"I LEGGERI DI NAIROBI"

Il mondo che ci cammina addosso, il capogiro narrativo dell'ultimo romanzo di Ciriello

di

Il mondo che ci cammina addosso. Questo è il capogiro narrativo dell'ultimo romanzo di Marco Ciriello, “I leggeri di Nairobi”, pubblicato da Rubbettino. Esattamente così. Le parole, i discorsi, le tirannie, i giochi infami, i profitti, le impressioni e le estasi di un sistema che unisce all'efferatezza dei libertini francesi del 700 i prolassi politici e imprenditoriali di questo pornografico neocapitalismo. E lo fa con una materia ed una lingua che cambiano di pagina in pagina, di frase in frase, con un'abilità e una bravura mostruose.

Prima siamo a Nairobi, ma subito dopo ci spostiamo in Cina, nei luoghi dove si decidono i destini e le ambizioni, poi in America, nello studio di un capitano d'industria che, come tutti i capitani d'industria della nostra epoca, sembra un impasto fra uno sciamano e Schopenauer. Poi seguiamo le strade sulle quali si allena Mohammed Alì, il predestinato, l'“oggetto” dei desideri di tutti, il ragazzo che vincerà l'unica gara che conti sul serio delle Olimpiadi: la maratona, e scenderà sotto le due ore.

C'è un clima di arrembaggio. Una corsa contro l'equità delle cose. Una dissolvenza del desiderio che inchioda la nostra percezione, i nostri pensieri, le parole che diciamo e quelle che rimangono nella gola.

Sembra che ci sia tutto, in questo libro. Tutto quello che conosciamo, o che pensiamo di conoscere, ma anche ciò che sospettiamo, anche le ombre dietro le tende o gli amanti che si nascondono sul cornicione della finestra. Anche questo. Le pistole fumanti, i morti e i pensieri amarissimi dei moribondi, le corse in bicicletta, le spie, i tornei di tennis, le delusioni in itinere. In questo romanzo ogni cosa viene considerata un gioco profittevole anche se non lo è. Perché è così che lo intende il dominio economico. Le persone come cose, le cose come persone. L'inversione della riconoscibilità. Anche i biscotti hanno nomi propri nell'epoca dell'individuazione, mentre interi continenti hanno perso volto e voce. Invece Ciriello riesce a nominare, a indicare persone e cose con esattezza e velocità, ridà voce alla nostra più profonda ferita, quella della dispersione nell'accumulo di ambizioni e bisogni e desideri inutili.

In questi anni di moratoria della letteratura (tranne pochi eccezionali casi) Marco Ciriello, con questo libro e non solo, riesce a tirar via la patina dai nostri occhi e a farci vedere l'orrore che sfreccia sulla nostra realtà e lo fa con la leggerezza inaudita della sua formidabile scrittura.

© Riproduzione riservata

TAG:

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook