Giovedì, 09 Febbraio 2023
stampa
Dimensione testo

Cultura

Home Cultura Al Sud 12 progetti per valorizzare le biblioteche comunali: due in Sicilia, uno nel Catanzarese
UN MILIONE DI EURO

Al Sud 12 progetti per valorizzare le biblioteche comunali: due in Sicilia, uno nel Catanzarese

Sicilia, Cultura
“Scrivania e libri”Renato Guttuso, 1962, olio su tela

Sono 12 i progetti selezionati al Sud con il bando «Biblioteche e comunità» giunto alla sua seconda edizione. L’obiettivo è quello di valorizzare il ruolo delle biblioteche comunali nel Sud Italia come luoghi di inclusione sociale e spazi di rigenerazione urbana. Il bando è promosso dalla Fondazione Con il Sud insieme al Centro per il libro e la lettura, in collaborazione con l’Associazione nazionale dei comuni italiani (Anci). Le iniziative coinvolgeranno 49 biblioteche e saranno sostenuti con 1 milione di euro.

I comuni coinvolti saranno quelli che hanno ottenuto la qualifica di «Città che legge» per il biennio 2020-2021. Quattro progetti saranno avviati in Puglia, nelle province di Lecce, Brindisi, Bari e Taranto; tre in Campania, in provincia di Caserta, Napoli e Salerno; due in Sicilia, in provincia di Catania; uno in Calabria, in provincia di Catanzaro; uno in Sardegna, in provincia di Nuoro; uno in Basilicata, in provincia di Potenza.

«Attraverso queste iniziative le biblioteche comunali del Sud rafforzano il proprio importantissimo ruolo: non solo luoghi di cultura ma anche di incontro, di scambio generazionale e interculturale, spazi che offrono servizi a chi è in difficoltà, che si organizzano per portare la ricchezza della lettura a chi non può goderne in presenza o a chi solitamente ne è lontano», spiega il presidente della Fondazione Con il Sud, Carlo Borgomeo.

«Questo bando è senz'altro tra i progetti più importanti che il Centro per il libro e la lettura sostiene - ha detto il presidente del Centro per il libro e la lettura, Marino Sinibaldi -. Non solo perché rivolto a regioni d’Italia dove i tassi di lettura e partecipazione culturale sono più bassi - e dove dunque l’impegno pubblico dovrebbe essere maggiore -, ma perché punta sulla rete delle biblioteche. Si tratta di luoghi fondamentali per offrire opportunità a chi per ragioni economiche o geografiche è svantaggiato, per far crescere una dimensione pubblica della lettura, per combattere la privatizzazione e la desertificazione culturale».

I progetti permetteranno di incrementare orari e giorni di apertura delle biblioteche comunali. Consentiranno anche di arricchire gli strumenti digitali e i cataloghi. Saranno avviati presidi per la lettura in luoghi particolarmente frequentati, così come nelle zone periferiche e negli ospedali; giovani e adulti verranno avvicinati alla lettura attraverso attività di animazione, festival, contest e laboratori per tutte le età; saranno realizzati anche incontri letterari nella lingua dei segni; corsi di lingue; servizi di consegna a domicilio di libri realizzati anche da persone anziane; sportelli informativi, laboratori interculturali e corsi di lingua italiana per immigrati, oltre a percorsi di sostegno alla genitorialità per famiglie che vivono situazioni difficili.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook