Martedì, 28 Gennaio 2020
stampa
Dimensione testo

Economia

Home Economia Taglio del cuneo fiscale, 500 euro in più in busta paga nel 2020
TASSE

Taglio del cuneo fiscale, 500 euro in più in busta paga nel 2020

lavoro, stipendi, tasse, Sicilia, Economia

Il 2020 sarà l'anno del taglio del cuneo fiscale per i lavoratori, cioè di una parte di quelle tasse che gravano sulla busta paga. Si prevede un incremento medio per i dipendenti di 500 euro quest'anno che dovrebbe salire a mille nel 2021.

Il cantiere, almeno sul cuneo, sembra comunque già aperto. Il lavoro al ministero dell’Economia è continuo perché la norma inserita nella legge di bilancio, che prevede risorse pari a 3 miliardi quest’anno e a 5 miliardi il prossimo, dovrà essere articolata in un decreto ad hoc.

L’idea è quella di tagliare il prelievo sui redditi fino a 35 mila euro, allargando la platea dei lavoratori che beneficiano degli 80 euro del bonus Renzi (oggi distribuito fino a un massimo di reddito di 26.600 euro). L'incremento medio degli stipendi sarebbe di circa 500 euro, che dovrebbero raddoppiare e arrivare intorno ai mille euro nel 2021.

Quest’anno il taglio del cuneo partirà infatti a luglio, restando quindi in vigore solo metà anno. Dal 2021 partirà invece a regime sui 12 mesi.

Una norma specifica dovrebbe riguardate peraltro gli incapienti, chi - rimanendo sotto la soglia di 8.000 euro di reddito l’anno - non paga la tasse ed è quindi stato escluso dal bonus Renzi e ora lo sarebbe anche dal taglio del cuneo.

Non è neppure escluso però che il 2020 possa essere anche l'anno di una coraggiosa rimodulazione delle aliquote Iva. L'idea gira da tempo ed è stata accarezzata anche nel corso del dibattito autunnale sulla legge di bilancio, passando in rassegna possibili aumenti sui beni considerati più voluttuari o di lusso a cui accompagnare riduzioni su quelli più necessari, come pane e latte.

Il progetto è stato però accantonato per i tempi troppo stretti che hanno caratterizzato quest’anno la messa a punto di aggiornamento del Def e manovra. Ma anche perché qualsiasi ritocco va ponderato con attenzione, per i risvolti non solo finanziari sulle entrate pubbliche ma anche politici sulla popolarità del governo.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook