Sabato, 21 Maggio 2022
stampa
Dimensione testo

Economia

Home Economia Assunzioni nelle aziende in crisi, incentivi anche alle imprese femminili. Ecco cos'è la clausola di preferenza
NUOVO INCENTIVO

Assunzioni nelle aziende in crisi, incentivi anche alle imprese femminili. Ecco cos'è la clausola di preferenza

i soggetti beneficiari s'impegnino a procedere prioritariamente, previa verifica della sussistenza dei requisiti professionali, alla contrattualizzazione dei lavoratori residenti nel territorio in cui viene localizzato l’investimento
assunzioni, aziende in crisi, clausola di preferenza, Mise, Sicilia, Economia
Giorgetti del Mise

Arriva una clausola sull'occupazione, con una corsia preferenziale per assumere i lavoratori di aziende in crisi, per le aziende che beneficiano di incentivi e misure di sostegno del Mise. Lo prevede un atto di indirizzo del ministro dello sviluppo economico Giancarlo Giorgetti che interviene su un fronte particolarmente caldo proprio mentre il governo è al lavoro per sciogliere il nodo sul decreto in materia di delocalizzazioni. L’atto di indirizzo, firmato dal capo di gabinetto e indirizzato a tutte le Direzioni generali del Mise (oltre che ai viceministri Alessandra Todde e Gilberto Pichetto Fratin), introduce una 'clausola di preferenza per l’assunzione dei lavoratori di aziende in crisi', che impegna le aziende che beneficeranno di incentivi, agevolazioni o misure di sostegno finanziario. Su indicazione del ministro si invitano quindi tutte le Direzioni generali del Ministero ad inserire questa clausola negli atti di prossima adozione «che comportino la concessione di incentivi, agevolazioni o misure di sostegno finanziario a valere su risorse Mise comunque denominate, ove compatibile». La clausola prevede che i soggetti beneficiari, nel caso in cui sia previsto un incremento occupazionale, si impegnino «a procedere prioritariamente, nell’ambito del rispettivo fabbisogno di addetti, e previa verifica della sussistenza dei requisiti professionali, all’assunzione dei lavoratori residenti nel territorio ove viene localizzato l’investimento che risultino percettori di interventi di sostegno al reddito, ovvero risultino disoccupati a seguito di procedure di licenziamento collettivo e, successivamente, dei lavoratori delle aziende del territorio di riferimento coinvolte dai tavoli di crisi attivi presso il Mise». Sempre sul fronte delle imprese, poi, sono in arrivo risorse per sostenere le imprese create da donne. Il Governo Draghi «a partire da settembre attiverà il Fondo a sostegno dell’imprenditoria femminile, per stimolare la nascita di start up e imprese sostenibili guidate da donne», ha annunciato la viceministra Todde. I decreti attuativi per il Fondo (finanziato con 20 milioni di euro nel 2021 e 20 milioni nel 2022) e l'attivazione del 'Comitato impresa donna' sono in fase di registrazione alla Corte dei Conti.

Incentivi per le imprese femminili

Il fondo «finanzierà interventi per sostenere l’avvio delle attività, investimenti e rafforzamento della struttura finanziaria e patrimoniale delle imprese femminili, con una specifica attenzione ai settori di alta tecnologia, programmi di formazione e orientamento a favore dell’imprenditorialità femminile», ha detto Todde, spiegando che durante la pandemia la nascita di imprese femminili ha subito un rallentamento e oggi in Italia sono il 22% delle imprese sono guidate da donne.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook