Domenica, 29 Gennaio 2023
stampa
Dimensione testo

Economia

Home Economia Incubo rialzi tassi d'interesse sulle famiglie. Mutui sempre più esosi
RAPPORTO ABI

Incubo rialzi tassi d'interesse sulle famiglie. Mutui sempre più esosi

Aumentano, seppure a un tasso inferiore ai rialzi Bce, i tassi sui mutui casa in Italia ma la scelta degli scorsi anni di stipulare quasi solo finanziamenti a tasso fisso dovrebbe «immunizzare» molte famiglie dall’impatto negativo. I dati, contenuti nel rapporto mensile dell’Abi, evidenziano una crescita dei tassi di mezzo punto al 2,73%, ad ottobre, tornando così ai livelli del 2015 sebbene si trovino ancora ben al di sotto di quelli storici.

Ma per i clienti delle banche italiane c'è anche un altro tema di scontentezza: nel 2021 i costi di gestione dei conti correnti sono saliti, arrivando a 94,7 euro, principalmente per l'emissione e la gestione delle carte di pagamento e i canoni base. E il ritorno agli sportelli e la maggiore operatività, dopo la crisi Covid, ha fatto crescere anche le spese variabili. Il rialzo inoltre, spiega l’indagine annuale della Banca d’Italia, ha colpito anche i conti online, che hanno visto una grande diffusione durante la pandemia, i quali tuttavia restano ancora molto più convenienti: 24,3 euro, 2,8 euro in più dell’anno precedente. Con la fine dell’era decennale dei tassi zero, i bilanci delle banche stanno tornando a vedere un aumento dei ricavi dai tassi sui finanziamenti. I principali gruppi hanno messo a segno delle trimestrali positive, spinte anche da un’economia che ha tenuto più del previsto. E tuttavia la crisi energetica e le incertezze della guerra in Ucraina sono delle nubi all’orizzonte che dovrebbero far aumentare i crediti non pagati nel corso del 2023.

Secondo l’Abi però al momento la qualità del credito resta buona e le sofferenze nette stabili a 16,2 miliardi di euro. Come anche sottolineato da S&P in un report, i problemi dei pagamenti in Europa non dovrebbero arrivare dalle famiglie sui mutui. Per il vice dg dell’Abi Gianfranco Torriero «negli scorsi 4-5 anni, l’80% dei nuovi mutui era a tasso fisso» e anche per questo effetto di «immunizzazione» non ci si attende un importante aumento delle sofferenze, nei prossimi mesi, su questo comparto. Altro discorso è quello delle imprese, specie quelle più colpite dal caro energia. L’Abi (assieme alla Ue, la Bce e la Banca d’Italia) chiede che le misure pubbliche siano più mirate e a sostegno di quei settori a rischio. In particolare le banche chiedono la possibilità di un riscadenzamento del debito oltre che di una modifica delle norme europee che consentano una moratoria. Per il momento comunque i prestiti a famiglie e imprese continuano a crescere (+3,4% a ottobre) mentre i depositi, dopo mesi di aumenti ininterrotti hanno subito una frenata, segno che si è raggiunto un tetto.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook