Venerdì, 19 Luglio 2019
stampa
Dimensione testo
LA SENTENZA

Bruciata viva dopo le accuse di molestie, 16 condanne in Bangladesh

Sedici persone sono state condannate in Bangladesh per aver bruciato viva una ragazza di 19 anni che aveva denunciato di aver subito molestie sessuali da parte del preside della sua scuola islamica. Lo riporta la Bbc.

Il primo ad essere stato incriminato è proprio il dirigente, Siraj Ud Doula, accusato di aver dato mandato di uccidere la ragazza dopo che lei aveva rifiutato di ritirare le accuse. Un omicidio orribile, che ha scioccato il Bangladesh e scatenato un’ondata di proteste, organizzato come «un piano militare», secondo quanto riferito dalla polizia.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook