Domenica, 17 Novembre 2019
stampa
Dimensione testo
PREOCCUPAZIONE

Regge la tregua in Siria, ma Erdogan torna a minacciare: "Spaccheremo le teste dei terroristi"

siria, turchia, Donald Trump, Jens Stoltenberg, Mitch McConnell, Mustafa Bali, Recep Tayyip Erdogan, Vladimir Putin, Sicilia, Mondo
Erdogan

Regge la fragile tregua nel nord-est della Siria. Nel secondo dei cinque giorni di cessate il fuoco concordati da Turchia e Stati Uniti, Ankara e i curdi continuano a rimpallarsi accuse di violazioni. Scontri sul terreno sono confermati anche dall’Osservatorio siriano per i diritti umani (Ondus) nell’area di Ras al Ayn, la città di confine sotto il più duro assedio turco. Ma secondo la stessa ong, una «relativa calma prevale in tutta l’area a est dell’Eufrate» e i curdi annunciano anche di aver ripreso le operazioni anti-Isis.

La tregua resta comunque appesa a un filo. Recep Tayyip Erdogan è tornato oggi a minacciare la ripresa dell’offensiva. «Se non ci sarà» il ritiro delle milizie curde Ypg entro martedì sera, «continueremo» l’operazione militare «da dove ci siamo fermati» e «spaccheremo le teste dei terroristi», ha ribadito da Kayseri, nel cuore dell’Anatolia. Occhiali scuri d’ordinanza e sciarpa della squadra locale al collo, il presidente turco si è fatto immortalare facendo il saluto militare sul palco, come nei giorni scorsi i calciatori della sua nazionale, finiti nel mirino delle critiche. «I nostri soldati sono pronti ad andare ovunque», ha avvisato Erdogan, scagliandosi ancora contro quei Paesi occidentali «ipocriti» che «oggi vogliono darci lezioni» e «hanno quasi tutti un passato di massacri, invasioni e colonizzazioni».

Si prepara intanto il faccia a faccia di martedì a Sochi con Vladimir Putin. «Le forze del regime sono presenti in alcune parti dell’operazione antiterrorismo. Discuterò la questione» con il presidente russo, ha spiegato il leader di Ankara, che aveva già dato il via libera al passaggio delle località strategiche di Kobane e Manbij nelle mani di Mosca e Damasco, purché vengano allontanati i curdi.

Nel frattempo, sul terreno proseguono a Ras al Ayn gli scontri tra Ypg e milizie siriane filo-Ankara. Queste ultime,
denunciano i curdi e l’Ondus, continuano anche a bloccare i corridoi umanitari e quelli che dovrebbero permettere
l'evacuazione dei combattenti, sabotando di fatto della tregua.
«Gli aggressori continueranno ad attaccare a meno che non ci sia garante», ha avvertito il responsabile della comunicazione delle Forze democratiche siriane, Mustafa Bali. Anche la Turchia denuncia però violazioni del cessate il fuoco. Almeno 14 in 36 ore, sostiene la Difesa, quasi tutte a Ras al Ayn.

Forte resta la preoccupazione in tutto il mondo. Il segretario generale della Nato Jens Stoltenberg promuove
l'intesa Usa-Turchia come una possibile «base per arrivare a una de-escalation». Ma a Washington non si spegne il fuoco amico su Donald Trump. Mitch McConnell, leader dei repubblicani al Senato, gli ha sferrato un duro attacco dalle colonne del Washington Post, definendo il ritiro delle truppe dalla Siria un «grave errore strategico» che «rischia di ripetere l’avventato ritiro del governo Obama dall’Iraq, che ha agevolato la crescita dell’Isis». McConnell chiede quindi di riportare al confine i soldati e «separare Ankara da Mosca, riportandola all’ovile Nato».

© Riproduzione riservata

TAG: ,

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook