Domenica, 08 Dicembre 2019
stampa
Dimensione testo

Proteste senza tregua a Hong Kong, i manifestanti assediano le università

Non si fermano le proteste a Hong Kong. All’indomani del lunedì di sangue che ha segnato picchi di violenza mai visti prima, oggi gli scontri tra manifestanti e polizia si sono trasformati in battaglia alla Chinese University of Hong Kong, rimasta per ore sotto l’assedio delle forze dell’ordine che ha usato centinaia di lacrimogeni.

I manifestanti pro-democrazia hanno agito su vasta scala interrompendo il traffico stradale, bloccando il trasporto pubblico ferroviario e quello di superficie, e costringendo i pendolari delle ore di punta a camminare addirittura sui binari di una linea nell’area dei Nuovi Territori pur di raggiungere i luoghi di lavoro o tornare a casa.

Se lo studente di 21 anni colpito lunedì a bruciapelo da un colpo di pistola di un agente è in miglioramento, al punto da far scattare l’arresto malgrado il fegato e il rene perforati, restano invece critiche le condizioni dell’uomo dato alle fiamme dopo una lite con i manifestanti.

Gli attivisti hanno anche bloccato le strade vicine ai campus universitari, mentre la polizia ha sparato gas lacrimogeni contro i manifestanti che, a loro volta, hanno lanciato mattoni da un ponte pedonale della City University, mentre detriti e sedie sono stati gettati su una strada da un altro ponte pedonale della University of Hong Kong.

La violenza vera e propria è scoppiata alla Chinese University quando gli studenti hanno lanciato molotov e mattoni all’indirizzo della polizia, che ha risposto con proiettili di gomma e gas lacrimogeni, entrando nel campus per inseguire i manifestanti. C'è voluta la mediazione di un ex rettore per ottenere il ritiro della polizia antisommossa. Negli scontri sono rimasti feriti diversi decine di studenti.

Su Twitter, l’attivista pro-democrazia Joshua Wong ha espresso la sua condanna contro l’operato della polizia, colpevole di aver trasformato l’università in una «zona di guerra», promettendo che «difenderemo la nostra isola a qualsiasi costo» e che «non ci arrenderemo mai».

Wong, come ha precisato una nota del ministero degli Esteri di Pechino, ha visto la sua richiesta di espatrio e di viaggio in Europa rifiutata dalla Corte di Hong Kong: l’ex leader del 'movimento degli ombrelli' del 2014, che attualmente gode della libertà su cauzione, era stato invitato a Milano dalla Fondazione Feltrinelli, cosa che aveva fatto infuriare Pechino.

Nel quartiere degli affari di Central, i manifestanti hanno organizzato un sit-in all’ora di pranzo, bloccando il traffico sulle strade principali, scandendo slogan come «cinque richieste, non una in meno!» - in merito alla piattaforma pro-democrazia (che include le indagini sull'operato della polizia e riforme come il suffragio universale) - e trovando il sostegno dei lavoratori delle centinaia di uffici.

Nel pomeriggio la polizia è intervenuta coi lacrimogeni per disperdere la folla. In conferenza stampa, la governatrice Carrie Lam ha accusato i manifestanti di «egoismo» per gli sforzi finalizzati a interrompere il traffico, esortando le università e le altre scuole a convincere i loro studenti a disertare le proteste.

«In circostanze difficili, chi non cede a comportamenti violenti e radicali e insiste per andare al lavoro e a scuola ha il mio pieno rispetto», ha detto. Nonostante i timori di violenze Lam, che ha ricevuto ancora il sostegno da Pechino, ha escluso un rinvio delle elezioni distrettuali del 24 novembre. Almeno per ora.

© Riproduzione riservata

TAG:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook