Venerdì, 03 Febbraio 2023
stampa
Dimensione testo

Mondo

Home Mondo Religioso afroamericano discriminato dalla chiesa anglicana, l'istituzione si scusa
IL CASO

Religioso afroamericano discriminato dalla chiesa anglicana, l'istituzione si scusa

Piovono accuse di razzismo sulla Chiesa anglicana, tradizionale confessione nazionale britannica guidata nominalmente dalla regina. Ad alimentarle è la denuncia di Augustine Tanner-Ihm, un religioso afroamericano di Chicago emigrato sull'isola per studiare all'Università di Durham che si era candidato per un ministero vacante in una parrocchia del sud dell'Inghilterra, ma si è visto respingere la domanda a febbraio con esplicite motivazioni 'etnico-razziali'.

Tanner-Ihm ha mostrato ai media la mail con cui l'amministrazione parrocchiale lo ha escluso sostenendo di non volerlo "far sentire a disagio" di fronte a una comunità di fedeli appartenenti in modo "monocromatico alla working class bianca".

Una risposta che "mi ha causato profondo dolore", ha raccontato l'interessato, già seminarista e poi diacono a Chicago. "Come afroamericano, con genitori e nonni vissuti all'epoca del movimento dei diritti civili, ritengo che la mia razza non abbia nulla a che fare con le mie capacità come ministro di culto", ha sottolineato, evocando un problema di "razzismo istituzionale" in alcune realtà della Chiesa d'Inghilterra.

"Prendiamo molto seriamente questa denuncia e riconosciamo che la Chiesa d'Inghilterra deve fare molto di più" su questo fronte, ha ammesso il reverendo Chris Goldsmith a nome del vertice ecclesiastico anglicano, scusandosi pubblicamente per l'accaduto.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook